La Nuova Provincia > Attualità > I ladri non fermano gli Amici di Bazzana
Attualità, Cronaca Nizza Monferrato -

I ladri non fermano gli Amici di Bazzana

Nonostante il furto di 7 friggitrici e di 2 piastre l'attività della Pro Loco non si ferma e conferma le cene in programma

Due settimane fa il furto

Sono degli ossi duri gli “Amici di Bazzana”, associazione gastronomica che riunisce una trentina di volontari e famosa per il suo Fritto misto alla Piemontese alla quale, due settimane fa, ignoti malviventi avevano sottratto nella notte di mercoledì 31 gennaio piastre e friggitrici professionali. Un danno economico importante, stimato intorno ai 25-28 mila euro, che però non ha scoraggiato i volontari di questa Pro loco, in una “frazioncina” del comune di Mombaruzzo, i quali dopo essersi rimboccati le maniche hanno voluto confermare le cene già fissate in calendario.

Confermata la Raviolata

E quindi ecco che domenica scorsa si è tenuta, come da programma, la Raviolata di Carnevale. «Non potevamo deludere il nostro pubblico più affezionato, anche se è stata dura ripartire. Ma non ci scoraggiamo» commenta Maura Balbo Segretaria dell’associazione. Il colpo da assorbire è stato tosto: oltre alle 7 friggitrici in acciaio inox i ladri hanno infatti portato via anche 2 piastre e la cupola del gazebo esterno che venivano custoditi in un container accanto alla sede della Pro Loco. «Per un’associazione di volontariato come la nostra parliamo di una cifra importante da dover nuovamente investire – spiega la Balbo – l’attrezzatura sottratta era stata acquistata negli anni e grazie agli incassi delle nostre serate. Ora dovremo ripartire da capo».

La denuncia contro ignoti

Del fatto è stata presentata denuncia contro ignoti ai carabinieri di Mombaruzzo-Quaranti, i quali stanno investigando. Per i volontari della Pro Loco la natura del furto è una sola: «Data la particolarità delle attrezzature sottratte, di grandi dimensioni, difficili da spostare e professionali sospettiamo un furto su commissione» aggiunge la Balbo. Per questa ragione i volontari di Amici di bazzana hanno diffuso sui social network accorati appelli affinché ristoranti o altre associazioni segnalino la vendita di attrezzature simili a prezzi sospetti, al di sotto di quelli mercato. «Intendiamo anche far capire che coloro che vorranno approfittarsi della situazione, si renderanno complici di un reato» conclude l’agguerrita segretaria, la quale però non ha perso il sorriso. Soprattutto perché ricorda le prossime date in cartellone. Al momento viene infatti confermata la serata dedicata agli gnocchi di sabato 10 marzo.

 

Lucia Pignari

lucia.pignari@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente