La Nuova Provincia > Attualità > Ancora un successo per il Mercato d’Europa
Attualità Asti Canelli e sud Nizza Monferrato -

Ancora un successo per il Mercato d’Europa

Una manifestazione che è piaciuta, la dodicesima edizione dell’“Europa in Festa” organizzata dalla Confesercenti

Il Mercato d’Europa piace agli astigiani

Un pezzo d’Italia, d’Europa e del mondo ad Asti, almeno nei profumi e nei sapori e nella confusione di lingue e di colori.
Una manifestazione che è piaciuta, la dodicesima edizione dell’“Europa in Festa” organizzata dalla Confesercenti e pubblicizzata sulle locandine come “Mercato Europeo”, primo nome dell’evento, in ricordo del suo ideatore Gioachino Falcone recentemente scomparso e che per questa manifestazione si è sempre prodigato tanto.

Sessanta tra banchi e stand

Una festa che anche quest’anno, dal 24 al 27 maggio, ha portato in Piazza Campo del Palio sessanta tra banchi e stand di prodotti tipici enogastronomici e artigianali provenienti un po’ da tutto il mondo.
Quattro giorni affollati di visitatori, quattro giorni che magari potevano andare ancora meglio se la pioggia di sabato sera e forse la finale di Champions League, non ci avessero messo lo zampino.

Soddisfatti i polacchi e i calabresi

Tra i soddisfatti sicuramente la bancarella della Polonia, della liquirizia calabrese e lo stand con il cibo vietnamita al suo esordio sulla piazza di Asti, viceversa la Fabbrica di Arancina di Palermo, il cibo greco e la paella hanno imputato al tempo incerto e ad altri eventi concomitanti la parziale delusione delle loro aspettative.
Sono piaciute le pannocchie arrosto e gli arrosticini brasiliani, con una leggera preferenza per gli arrosticini, come pure le birre, dalla belga, a quella tedesca, a quella scozzese e anche gli intramontabili hamburger di Fassona piemontese.
E’ piaciuta la cucina argentina, gettonati i giochi per bambini e il tiro al bersaglio apprezzate le bancarelle di oggetti artigianali, fino a quella con la biancheria per la casa o i fiori secchi, i saponi o le spezie.

Cucina internazionale di qualità

Una bella edizione comunque, che ha permesso di assaggiare una cucina internazionale di qualità e che tra afa, sole e pioggia ha rallegrato Asti.
Qualche avventore ha trovato i prezzi un po’ alti “però in linea con i prezzi di queste manifestazioni” ha dichiarato Andrea Visconti, presidente provinciale di Confesercenti che si è detto molto soddisfatto per la risposta della città.

Asti viva per quattro giorni

“E’ stato bello vedere Asti così viva in questi quattro giorni – ha continuato – e se l’Amministrazione locale ce ne darà la possibilità, abbiamo in mente un paio di eventi da proporre tra agosto e fine settembre, magari in centro e collegati anche alla cultura.”
Quindi, pioggia a parte, si possono tirare somme positive su questa dodicesima edizione e attendiamo dunque la prossima “Europa in Festa” “che in linea di massima si svolgerà sempre in Piazza Campo del Palio perché – ha sottolineato Andrea Visconti – squadra che vince non si cambia”.

f.duretto@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente