La Nuova Provincia > Attualità > Apre ad Asti la “Casa delle donne e dei bambini”
Attualità Asti Canelli e sud Nizza Monferrato -

Apre ad Asti la “Casa delle donne e dei bambini”

La struttura aprirà il prossimo 2 luglio, grazie a una straordinaria gara di solidarietà, negli ex magazzini comunali ristrutturati di viale Pilone

Casa delle donne e dei bambini apre in Viale Pilone

Anche d’estate è necessario far fronte ai bisogni sociali, che in molti casi, anzi, aumentano e si fa forte la necessità del “non lasciare soli”.
La “Banca del Dono” del comune di Asti e l’associazione no profit “Il Dono del Volo” hanno scelto, non casualmente, il mese di giugno per evidenziare, tramite una conferenza stampa tenutasi lunedì 18 giugno in Municipio, le finalità e i servizi offerti.
Il prossimo 2 luglio, grazie a una straordinaria gara di solidarietà, l’associazione potrà aprire negli ex magazzini comunali ristrutturati di viale Pilone, angolo via Delle Corse, “La casa delle donne e dei bambini”.

In soccorso delle donne in difficoltà

Si tratta di una struttura nata per aiutare tutte quelle donne in difficoltà, senza un tetto perchè sfrattate e anche donne con bambini che non hanno un posto dove andare a dormire la notte. Prima della sua inaugurazione verrà preparato un regolamento che spieghi come funziona l’accesso a questo tipo di servizio.
Si è partiti per la nascita della “casa delle donne e dei bambini” dalla conoscenza di alcune donne che si servivano del dormitorio femminile di Alessandria in assenza di ques’ultimo sul territorio astigiano.
Alla sua realizzazione hanno contribuito in molti fornendo letti, materassi, arredi.

Le attrezzature della casa

La casa sarà attrezzata di una cucina, usufruibile per tutte le donne ma soprattutto da quelle con bambini, che in questo modo potranno cucinare al suo interno e non muoversi per la città.
La struttura è predisposta per cinque/otto donne per quanto riguarda il dormitorio femminile e da dieci camere per le donne con i bambini.

Medici volontari

Inoltre è stato attivato un servizio di medici volontari che visiteranno gratuitamente minori bisognosi e un servizio di insegnanti volontari che presteranno la loro opera di doposcuola. In questi mesi numerosi cittadini e cittadine, quasi tutti esigendone l’anonimato, hanno versato somme di denaro anche piccole ma importanti che hanno permesso, sommandole ad altre maggiori donazioni, di sostenere i primi progetti dell’associazione, tra i quali il “pasto caldo” per i poveri in occasione nel Natale scorso.

Porta la sporta

Un’altra data importante da ricordare è quella del 7 luglio prossimo, giorno in cui si svolgerà la settima edizione di “Porta la sporta”, la raccolta di alimenti che vede una quindicina di supermercati che aderiscono all’iniziativa.
I generi alimentari che verranno raccolti saranno donati, non solo, alla mensa comunale ma anche ai centri d’ascolto per la colazione ai senza tetto.
Vengono raccolti anche generi alimentari per i più piccoli e generi per l’igiene personale, i primi verranno donati alle associazioni per bambini mentre i secondi all’asilo notturno, al dormitorio e ora anche alla casa delle donne e dei bambini.

Le donazioni non stanno diminuendo

“Le donazioni non stanno calando, ogni anno riusciamo a raccogliere dagli 80 ai 95 quintali di cibo.
Ci sono persone che fanno una spesa importante e la donano tutta.
La solidarietà paga. Siamo felici della risposta della città” afferma Paolo Odorizio, referente della Banca del Dono.

Altri progetti

L’associazione ha presentato anche progetti ancora in fase di realizzazione, come “Io do una zampa a te e tu dai una zampa a me”.
Molte persone, specialmente quelle più anziane e sole, vorrebbero la compagnia di un animale domestico ma sono impossibilitate per le spese da affrontare e dall’altra parte i canili e gattili sono affollati da animali abbandonati e pertanto vi è l’esigenza di incrementare le adozioni.
L’obiettivo di questo progetto è quello di incrociare queste esigenze con diverse iniziative, stipulando una convenzione con l’ordine dei veterinari per una selezione, all’interno dei canili, dei cani che possono essere idonei.
Inoltre questi medici potrebbero dare la loro disponibilità a effettuare le visite e gli interventi chirurgici in modo gratuito.
Per informazioni la “Banca del Dono” e l’associazione “Il Dono del Volo” hanno sede in piazza Roma 8 ad Asti.

f.duretto@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente