La Nuova Provincia > Attualità > Asti chiama i cittadini a scrivere le “sue Tesi”
Attualità Asti -

Asti chiama i cittadini a scrivere le “sue Tesi”

Tra gli ospiti dell'originale format promosso da Articolo 1 MDP anche i giornalisti Luca Telese, Umberto De Giovannangeli e Beppe Rovera

Un’idea di Articolo 1 MDP

“Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia. Qui ad Atene noi facciamo così”. E’ strizzando un occhio a Pericle e al suo celebre discorso agli ateniesi che Articolo 1 MDP Asti e Provincia ha messo in moto l’organizzazione di un evento, in parte assemblea, ma anche seminario e festa intitolandolo “Le Tesi di Asti”.

L’appuntamento sarà sabato 14 luglio, dalle 15 alle 23, a Palazzo del Michelerio, in corso Alfieri, che per l’occasione prenderà le forme di una moderna agorà, aperta a tutti, per ospitare un esperimento politico promosso dalla compagine di Articolo 1, ma aperto agli interventi di moltissimi soggetti tramite Tavoli di lavoro e che culminerà in un dibattito a ruoli invertiti, ovvero un match dove i politici intervisteranno giornalisti di tv e altri media.

12 Tavoli tematici

Il primo appuntamento sarà alle 15 con l’apertura dei 12 Tavoli tematici che affronteranno argomenti considerati prioritari, per gli italiani, da una recente indagine del Censis: disoccupazione, sanità, corruzione, costi della politica, povertà, giustizia e sicurezza, sviluppo, terrorismo, evasione fiscale, rifugiati, rinnovamento della politica, inquinamento e dissesto del territorio. Chi si accrediterà entro il 7 luglio avrà diritto a parlare per 5/10 minuti, chi lo farà sul posto, una volta inserito nel Tavolo richiesto, potrà prendere la parola per non più di 3 minuti. Da ogni Tavolo usciranno le cinque Tesi più votate che verranno illustrate dai vari presidenti nell’Assemblea Generale durante la seconda parte dell’evento. Anche in questo caso una votazione deciderà quali Tesi accogliere, e quali no, per creare un documento finale, appunto “Le Tesi di Asti”, che sarà pubblicato on line e oggetto di un ultimo voto in rete. Confronto sui contenuti, capacità di fare sintesi e di argomentare le proposte saranno le carte che giocheranno i presidenti dei Tavoli per vedere approvato il documento del loro gruppo di lavoro.

I primi big confermati

Dopo la cena a buffet (costo 10 o 12 euro, con o senza bevande), ci sarà il dibattito vero e proprio, un ambulance match – termine preso simpaticamente in prestito dal mondo del wrestling – dove i giornalisti saranno protagonisti di un’intervista al contrario. Diversi i nomi degli invitati e altri se ne aggiungeranno entro la prossima settimana. Hanno già confermato la loro presenza Luca Telese (volto noto de La7), Umberto De Giovannangeli (Huffington Post), Beppe Rovera (astigiano e volto noto della RAI). Ad incalzare gli ospiti saranno i politici Federico Fornaro (capogruppo alla Camera di Liberi e Uguali), Arturo Scotto (tra i fondatori di Articolo 1 MDP), Marco Castaldo (candidato alle politiche per LEU) ed Enrico Mattiuzzo (già coordinatore del Giovani Democratici).

Un format da esportare

«La giornata fonde in sé momenti di elaborazione e sintesi politica, intrattenimento, enogastronomia che si susseguono sequenzialmente e/o contemporaneamente all’interno dello spazio – fanno sapere gli organizzatori – È necessario riprendere a elaborare e innovare, partendo dai Territori e facendo rete tra gli stessi. Articolo 1 MDP di Asti e Provincia promuove “Le Tesi di Asti” come prototipo di elaborazione politica permanente, fisica, non racchiusa nella freddezza del mezzo digitale e invita tutti, da tutti i Territori d’Italia e da tutte le anime della Sinistra, nonché tutti i cittadini, a partecipare alla prima edizione, nella fiducia che questo evento funga da detonatore per lo svolgimento di altri momenti dello stesso tipo in tutta Italia».

Per info, accrediti per i Tavoli o per proporsi come presidenti è possibile scrivere una mail a art1mdpat@gmail.com oppure chiamare il numero 347.3612172 entro il 7 luglio.

r.santagati@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente