La Nuova Provincia > Attualità > Lo scrittore Marco Malvaldi ospite a FuoriLuogo
Attualità Asti -

Lo scrittore Marco Malvaldi ospite a FuoriLuogo

A colloquio con Davide Ruffinengo presenterà il suo ultimo romanzo "La misura dell'uomo"

Malvaldi a FuoriLuogo

Giovedì 8 novembre, dalle 19 nella residenza culturale FuoriLuogo (via Govone 15, Asti), sarà ospite lo scrittore Marco Malvaldi che presenterà il suo ultimo libro “La misura dell’uomo” (Scrittori Giunti).
A colloquio con Davide Ruffinengo (libreria Profumi per la mente), lo scrittore parlerà del romanzo in cui, a 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, gioca con la lingua, la scienza, la storia, il crimine e ridà loro vita tra le pagine, immaginando la sua multiforme intelligenza alle prese con le fragilità e la grandezza dei destini umani. Insomma, un’indagine sull’uomo che più di ogni altro ha investigato ogni campo della creatività, un viaggio alla scoperta di qual è la misura di ognuno di noi.

Il romanzo

Il romanzo è ambientato alla fine del Quattrocento. Firenze è ancora in lutto per la morte di Lorenzo il Magnifico. Il sistema finanziario si sta consolidando grazie alla diffusione delle lettere di credito. E Milano è nel pieno del suo Rinascimento sotto la guida di Ludovico il Moro.
A chi si avventura nei cortili del Castello o lungo i Navigli capita di incontrare un uomo sulla quarantina, dalle lunghe vesti rosa, l’aria mite di chi è immerso nei propri pensieri. È Leonardo da Vinci: la sua fama già supera le Alpi giungendo fino alla Francia di re Carlo VIII, che ha inviato a Milano due ambasciatori anche per affidare loro una missione segreta che riguarda proprio lui. Tutti, infatti, sanno che Leonardo ha un taccuino su cui scrive i suoi progetti più arditi – forse addirittura quello di un invincibile automa guerriero – e che conserva sotto la tunica, vicino al cuore.
Ma anche il Moro, spazientito per il ritardo con cui procede il grandioso progetto di statua equestre che gli ha commissionato, ha bisogno di Leonardo: un uomo è stato trovato senza vita in una corte del Castello, sul corpo non appaiono segni di violenza, eppure la sua morte desta gravi sospetti… Bisogna allontanare le ombre della peste e della superstizione, in fretta. E Leonardo non è nelle condizioni di negare aiuto al suo Signore.
L’ingresso all’incontro è libero.

e.ferrando@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente