La Nuova Provincia > Attualità > Asti: volontari a “tavola” per creare una rete
Attualità Asti -

Asti: volontari a “tavola” per creare una rete

Domenica ad Asti, in piazza Roma, si svolgerà il primo Tavolontario che farà incontrare le associazioni di volontariato per stringere rapporti e condividere progetti

Domenica il Tavolontario in piazza Roma

«Se si ferma il volontariato, si ferma l’Italia e questo vale per il Paese come per Asti. Senza i volontari ci sarebbe un problema per tutti, il Comune e l’Asl non potrebbero più dare risposte a tutti coloro che le chiedono ed è per questo che bisogna valorizzare, sostenere, tutelare e formare il volontariato». Basterebbero le parole dell’assessore alle politiche sociali Mariangela Cotto per rendere ben chiaro il ruolo dei volontari nel funzionamento di molti servizi alla persona: anziani, disabili, poveri, stranieri, malati cronici sono solo alcuni dei soggetti che vengono aiutati, ogni giorno, da un esercito di volontari pronti a fare la loro parte senza finire sotto i riflettori. Ma non sempre le associazioni di volontariato hanno modo di confrontarsi tra loro e di fare rete.

E’ per questo che domenica 30 settembre piazza Roma ospiterà il Tavolontario, un incontro tra associazioni e volontari che, per l’occasione, si incontreranno per una merenda sinoira nella quale confrontarsi e trovare azioni comuni da intraprendere per il prossimo futuro. L’iniziativa, organizzata dalla Banca del Dono, si svolgerà alle 18, ma le associazioni di volontariato arriveranno in piazza molto prima per allestire i tavoli tematici e portare generi alimentari con cui condividere la tavola. Partner dell’evento, che avverrà nella giornata del volontariato e proprio in occasione del primo compleanno della Banca del Dono, sono la Fondazione CrAsti, il CSV, la Camera di Commercio, l’Asl AT, la Confcommercio e la Confesercenti.

L’Asl: “Volontari indispensabili”

Il direttore generale dell’Asl AT, Mario Alparone, ha avuto parole di elogio per gli esempi di collaborazione della rete dei volontari astigiani. Soprattutto nella presa a carico dei pazienti, dopo la fase più critica, i volontari sono fondamentali «per seguire il malato fuori dall’ospedale – ha precisato Alparone – e nella quotidianità così da evitare che si ripresenti la fase acuta». L’Asl ha accolto l’invito della Banca del Dono ad accendere i riflettori sulle Associazioni di Volontariato Ospedaliero individuando un percorso segnalato dal logo VOI (Volontariato e Ospedale Insieme) che conduce dalla Hall in cui è allestita la mostra fotografica dell’Associazione Alzheimer Asti, al banco del VAO (Volontari Accoglienza Ospedaliera) e a quello allestito dall’URP sulla balconata in cui si pubblicizzano le iniziative della settimana, fino al Gazebo situato al piano -1 in cui durante la settimana sono presenti l’APRI Onlus Asti Associazione Ipovedenti (lunedì) e SoS Diabete (martedì e giovedì) per raggiungere infine l’AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue) .

Sacco: “Facciamo sapere cosa fanno le associazioni”

Mario Sacco, presidente della Fondazione CrAsti, ha invece confermato l’intenzione dell’Ente di «sostenere i progetti di volontariato» e sottoscritto l’importanza di un giorno dedicato ai volontari «per mettere in vetrina quello che fanno a favore del nostro territorio e per quei tanti servizi che altrimenti sarebbe difficile mantenere».

Sia per la Confcommercio, rappresentata dal direttore Claudio Bruno, sia per la Confesercenti, con Paolo Contardi, collaborare con il volontariato è importante ed è per questo che le due principali associazioni di categoria del commercio hanno aderito al progetto “Volontariato in vetrina” che fino al 6 ottobre darà ai sodalizi la possibilità di farsi conoscere esponendo materiale informativo nelle vetrine dei negozi. «Normalmente chi fa volontariato lo fa a livello personale, senza enfasi, – spiega Bruno – ma in questo caso è giusto mettersi in vetrina per farsi conoscere e informare i cittadini». Il sindaco Rasero non ha dubbi: «Il 30 settembre, in piazza Roma, scenderà in strada l’Asti Buona che si mette al servizio egli altri. Sarà un evento che chiuderà un settembre astigiano senza precedenti e che ha avuto risultati grandiosi».

Gli organizzatori fanno sapere che la manifestazione si svolgerà, anche in caso di maltempo, ma in un luogo ancora da definire.

r.santagati@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente