La Nuova Provincia > Attualità > Astigiano in lutto per la scomparsa di Pierluigi Berta
Attualità Costigliole - San Damiano -

Astigiano in lutto per la scomparsa di Pierluigi Berta

Tanti ricordi e testimonianze di stima e affetto nei suoi confronti

Sindaco di Rocca d’Arazzo

Tutto l’Astigiano è in lutto per l’improvvisa scomparsa nella serata di ieri di Pierluigi Berta, sindaco di Rocca d’Arazzo, presidente dell’Unione collinare “Valtiglione e dintorni”, attore e presentatore di molte delle più importanti manifestazioni ed eventi ufficiali della città e della provincia. Aveva appena 57 anni e un malore improvviso se l’è portato via, lasciando tutti nel cordoglio. Una personalità “vulcanica”, una figura di grande carisma, che trasmetteva tanta grinta ed energia a chi gli stava intorno; persona di grande intelligenza e cultura, era animato da una particolare carica di umanità e bontà d’animo.

Tanto affetto intorno a lui

Tantissimi fin dalla serata di ieri, quando si è diffusa la triste notizia della morte di Berta, sono state le testimonianze di affetto e di stima nei suoi confronti e di vicinanza alla sua famiglia. A ricordarlo sono gli amici, i suoi concittadini, compagni di studi, colleghi amministratori comunali e chi ha mosso i primi passi con lui nel mondo del teatro, sul palco e nella scrittura di testi teatrali. In molti lo avevano apprezzato come attore nelle commedie in piemontese della compagnia teatrale “Bon dabon”. Il ricordo va anche, ad esempio, al suo impegno per la sfilata del Festival delle Sagre: tra queste l’edizione del 2014, di cui Berta curò anche la regia, dedicata, in collaborazione con il Teatro degli Acerbi, all’importante ruolo delle donne nella lotta partigiana e dunque nella difesa del proprio paese e dei propri cari.

In queste ore si rincorrono i ricordi e i pensieri rivolti a Pierluigi Berta. «Come presidente dell’Unione collinare “Valtiglione e dintorni” mercoledì mattina era a San Marzano con tutti noi sindaci per la celebrazione dell’anniversario della Liberazione, in cui ha fatto anche da speaker. Siamo davvero affranti e siamo senza parole», dice questa mattina il sindaco di San Marzano Oliveto Giovanni Gabri. Altri sindaci lo ricordano nella mattinata di martedì alla cerimonia tenutasi a San Damiano per il conferimento del titolo di città. Ma sono davvero tanti i ricordi dei suoi interventi pubblici, accanto all’impegno appassionato e costante per la sua Rocca d’Arazzo. Poche settimane fa il momento di festa per salutare il dottor Francesco Carubia, che ha raggiunto il traguardo della pensione.

Questa sera il rosario

Questa sera, venerdì, alle 21, sarà recitato il rosario nella chiesa della borgata Santa Caterina di Rocca d’Arazzo, dove Berta risiedeva.

Marta Martiner Testa

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente