La Nuova Provincia > Attualità > Basta cicche per terra: con La Nuova Provincia arriva “mozzichino”
Attualità Asti -

Basta cicche per terra: con La Nuova Provincia arriva “mozzichino”

L’iniziativa è nata da un’idea dell’assessore Mario Bovino che si sta occupando di migliorare il decoro urbano della città

Da martedì la Nuova Provincia distribuirà il “mozzichino”

Basta cicche di sigaretta per terra, ora c’è il “mozzichino”, distribuito dalla Nuova Provincia in tutte le edicole cittadine, che aiuterà a tenere la città un po’ più pulita.
L’iniziativa è nata da un’idea dell’assessore Mario Bovino che si sta occupando di migliorare il decoro urbano della città. La Nuova Provincia ha aderito al progetto perché da sempre vicina alle tematiche ambientali, di difesa del territorio e sensibile alle problematiche cittadine legate al decoro urbano.
Il “mozzichino” verrà distribuito gratruitamente con la Nuova Provincia a partire da martedì 5 giugno per quindici giorni. Questo cosa significa? Significa che gli edicolanti della città a quanti chiederanno una copia del nostro giornale, consegneranno gratuitamente un Mozzichino. Un rigraziamento particolare, quindi, va proprio agli edicolanti della città, che hanno aderito di buon grado a questa iniziativa volta ad accrescere il senso civico dei cittadini.

Ecco a cosa serve il mozzichino

Il mozzichino è un oggetto leggero, piccolino che può essere portato tranquillamente in tasca. Naturalmente l’utilizzo è appannaggio dei fumatori. Quando si fuma la sigaretta il mozzichino dovrà essere utilizzato per deporvi la cenere e poi il mozzicone quando è terminata la sigaretta. C’è una brutta abitudine in uso tra i cittadini, quella di buttare il mozzicone per terra. Provate a camminare guardando la strada. Vi accorgerete che i marciapiedi, le strade, le piazze sono piene di mozziconi che, in centro storico, vanno poi ad insinuarsi tra un ciottolo e l’altro da dove non possono più essere estratti, senza correre il rischio di aspirare anche il ciottolo stesso.

Un comportamento rispettoso verso la città

“Questa non è un’iniziativa che risolverà il problema della pulizia delle strade – ha affermato l’assessore Mario Bovino nel suo intervento – La nostra intenzione è quella di sensibilizzare il cittadino a tenere un comportamento educato e rispettoso nei confronti degli altri, a non buttare le cicche per terra una volta fumata la sigaretta. Vogliamo accrescere il senso civico dei cittadini e lo faremo con questa ma anche con altre iniziative che presenteremo nei prossimi mesi”.

Non aspettiamo sempre “gli altri”

In effetti la nostra abitudine è quella di attenderci un cambiamento o un buon comportamento dagli altri, senza tenere conto che gli altri siamo tutti noi. E allora, non aspettiamoci sempre che siano gli altri a fare qualcosa, cominciamo a farlo noi e vedremo che magari “gli altri” ci verranno dietro e la buona pratica si diffonderà in tutta la città in breve tempo. Contribuire a tenere le strade pulite, oltre che un segno di civiltà, rende la città più vivibile, più accogliente per noi stessi e per i turisti che la visitano.
Noi siamo abituati ad avere mozziconi per terra, non ci facciamo neanche più caso. Ma i turisti no. Loro sono attenti anche a questi aspetti del decoro urbano e poi, alla fine, ci classificano come cittadini che non sanno tenere pulita la loro città. Alla conferenza stampa erano presenti anche Livio Negro, Presidente dell’Asp, partner dell’iniziativa con la Nuova Provincia, il sindaco Maurizio Rasero, il vice sindaco nonché assessore all’ambiente Marcello Coppo.

f.duretto@lanuovaprovincia.it

2 Commenti

  • Gian ha detto:

    Da fumatore non posso che essere d’accordo, ma credo che se si facesse un sondaggio gli astigiani, e non solo loro, sono preoccupati di pestare ben altro che delle cicche di sigarette…

  • Carlo ha detto:

    Bravo Assessore!
    Occorre comunque sempre qualche iniziativa che “inneschi” il processo virtuoso, poi sicuramente altre buone cose, simbolo di recupero di quella educazione civica che ormI latita da tempo, seguiranno a ruota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente