La Nuova Provincia > Attualità > Capodanno al lavoro per garantire salute e sicurezza
Attualità Asti -

Capodanno al lavoro per garantire salute e sicurezza

Anche ad Asti i servizi essenziali e le forze dell'ordine non si sono fermati durante la notte di San Silvestro

Ecco chi ha lavorato a Capodanno

Salute e sicurezza sono due settori nei quali non è possibile fermarsi, neppure a Capodanno. Ed in effetti sono molte le persone che, per garantire la festa in piazza con Jerry Calà o in altre parti della città, hanno dovuto assicurare la loro presenza sul posto di lavoro. Al di là di chi ha lavorato sui vari palcoscenici della città, cantanti, attori, musicisti e altri ancora, o nei vari locali, camerieri, baristi, cuochi e se vogliamo potremmo aggiungere anche taxisti, macchinisti alla guida dei treni, controllori della stazione ferroviaria e altro ancora, la notte del 31 dicembre sono rimasti in servizio le pattuglie di carabinieri, polizia, vigili urbani, addetti alle centrali operative di Guardia di Finanza e delle altre forze di polizia e poi ancora gli “angeli custodi” sanitari: il turno dei medici e infermieri del Pronto Soccorso dell’ospedale di Asti, i volontari della Croce Rossa e della Croce Verde.
Insomma a fianco del mondo che si divertiva e accoglieva il nuovo anno facendo festa con gli amici, c’era un altro mondo che invece era impegnato a far sì che la macchina organizzativa della nostra società continuasse a funzionare proprio come in tutti gli altri giorni dell’anno.

info@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente