La Nuova Provincia > Attualità > Donazione dipendenti Arol a “Pulmino Amico”
Attualità Canelli e sud -

Donazione dipendenti Arol a “Pulmino Amico”

I fondi usati per la manutenzione del servizio

E’ un disinteressato gesto di solidarietà quello che hanno condiviso i 600 dipendenti dell’azienda Arol Spa di Canelli.

Un servizio per i malati

Rientrati dalla pausa natalizia, i lavoratori hanno organizzato una pesca di beneficenza i cui proventi sono andati a favore di ASTRO. Questa associazione dal 2001 collabora con il Progetto Vita e si è fatta carico dell’acquisto, la manutenzione e la gestione del “Pulmino Amico”. Il servizio consente il trasporto di tutti i pazienti che, per varie ragioni, si trovano impossibilitati a raggiungere autonomamente ospedali e ambulatori in occasione di day hospital, terapie e visite.

Trasporto gratuito in ospedale

Dal 2008, un nutrito gruppo di volontari opera anche sul territorio canellese garantendo la copertura del servizio anche nel sud della provincia. «Siamo molto soddisfatti per la forte partecipazione dei dipendenti Arol, sempre molto vicina alle associazioni del territorio» commentano Ugo Conti Presidente di ASTRO ed Enzo Gianoglio Responsabile Logistica «Il loro gesto contribuirà a rendere più semplice la vita di tante persone. Di tutte quelle famiglie che vivono un momento di difficoltà quale è la malattia di un congiunto. Utilizzeremo questi fondi per l’attività quotidiana dei nostri quattro “Pulmini Amici”, che con tanti chilometri macinati ogni anno richiedono spesso manutenzione».

I numeri dell’associazione

In tutto l’associazione conta 148 volontari, 71 dei quali operano nel distaccamento di Canelli. In dotazione all’associazione sono presenti 4 Fiat Doblò, ripartiti tra Asti e Canelli. Nel 2017 sono stati effettuati 2.478 servizi e percorsi 123,780 km. L’impegno di questi volontari consente ogni giorno ai malati di recarsi agevolmente e gratuitamente in ospedale.

L’azienda Arol Spa di Canelli

lucia.pignari@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente