La Nuova Provincia > Attualità > Fantini, la prima mossa è di Tanaro: confermato Sandro Gessa
Attualità, Palio Asti -

Fantini, la prima mossa è di Tanaro: confermato Sandro Gessa

Quinto anno consecutivo con il Borgo del fiume per la monta di Marrubiu

Biancazzurri celeri a muoversi

Prime mosse e manovre da parte dei Comitati Palio relativamente all’ingaggio dei fantini in vista della corsa 2019. Uno dei più celeri a muoversi è stato il Borgo Tanaro, che ha ufficializzato la monta di Sandro Gessa anche per l’anno a venire.
A far propendere la dirigenza biancazzurra verso la conferma del fantino nativo di Marrubiu è stata la buona corsa condotta dallo stesso lo scorso 2 settembre. Gessa difenderà così i colori del Borgo del fiume per la quinta volta consecutiva e sesta in totale, poichè nel conto bisogna aggiungere anche il Palio del 2006. La dirigenza tanarina ha valutato per giungere all’importante decisione l’abilità, la professionalità e il senso d’appartenza sempre dimostrati da Gessa, che raggiungerà così un traguardo prestigioso entrando nella storia del Comitato ed eguagliando “Bucefalo”.
Solo il fantino di Farneta ha montato infatti per sei volte nella sua carriera per il Borgo fluviale (1990,1991,1992,1998,1999 e 2013).

Infondate le voci su Gavino Sanna

Tanaro ha quindi deciso di legarsi nuovamente a “Gessino” per dare seguito, parole della dirigenza guidata dal Rettore Thomas Neri… “ad un progetto e ad un viaggio quinquennale che necessariamente prevedono come obiettivo la vittoria nel prossimo Palio. Dopo averlo sfiorato nel 2016 e accarezzato nel 2018, i tempi sembrano maturi perchè il sogno si concretizzi.”
Vengono quindi a cadere le voci in circolazione da qualche tempo, che volevano Tanaro vicinissimo ad accordarsi con Gavino Sanna.

La situazione su altri fronti

Finora non sono state ufficializzate nuove scelte o conferme in altri Comitati.
Solamente Santa Caterina ha comunicato di aver interrotto il proprio rapporto con Simone Mereu, preferendo percorrere altre strade in ottica 2019. Quali possano essere non è ancora dato sapere, ma tutto lascia supporre che i rossocelesti guidati da Nicoletta Sozio abbiano individuato una monta di sicuro affidamente per il Palio che verrà, con il chiaro obiettivo di riscattare le ultime non felicissime apparizioni in Piazza Alfieri.
Si possono però ipotizzare conferme di fantini in seno ad alcuni Comitati, valutazioni maturateprendendo in considerazione l’esito della corsa 2018.

Arri resterà a Moncalvo, Pes alla Cattedrale

Moncalvo, Comune vincitore del Drappo di Guarene, confermerà Federico Arri, detto Ares, recente protagonista a Siena nel Palio Straordinario con i colori del Drago.
Anche la Cattedrale del confermato Giuseppe Monticone non cambierà strada, avendo in Dino Pes, detto Velluto, una monta affidabile, tecnica e in possesso di grande professionalità.
Altro Comitato che si terrà ben stretto il proprio fantino è Don Bosco, che con Giovanni Atzeni, detto Tittia, ha sviluppato un discorso in essere da due Palii che dovrebbe (almeno è quanto spera la dirigenza gialloblu) trovare completamento nel 2019.

San Secondo, fiducia ad Andrea Mari

San Secondo proseguirà con Andrea Mari la propria caccia al Drappo. L’ultimo Palio ha dimostrato che Brio è la scelta ottimale, ma per arrivare primi sul palo è necessaria tutta una serie di componenti e di dinamiche che nello scorso settembre purtroppo per il Rione biancorosso sono saltate.
Facile prevedere che San Silvestro si affiderà nuovamente a Bastiano Sini, bravo ed autorevole nel suo debutto astigiano. Una prova d’appello potrebbe toccare anche ad Alessio Migheli, detto Girolamo, col giubbetto di Viatosto: anche per lui l’ultimo Palio corso è stato alquanto tormentato.
Vi sono poi Borghi e Rioni che hanno appena eletto o stanno per eleggere il Rettore: in seno a questi Comitati bisognerà attendere quelle che saranno le indicazioni delle nuove dirigenze riguardo alla composizione della commissione corsa e gli obiettivi (alias fantini) sui quali focalizzarsi. Le novità, a breve, comunque non mancheranno!

Massimo Elia

max.elia@virgilio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente