La Nuova Provincia > Attualità > Il Sigillo della città al giostraio Sforzi
Attualità Asti -

Il Sigillo della città al giostraio Sforzi

L’importante riconoscimento gli è stato offerto dal sindaco Brignolo che ha ricordato la quasi quarantennale attività di Sforzi con la sua celebre giostra ai giardini

Cara agli astigiani, soprattutto a quelli che sono stati bambini alla fine degli anni ‘70, ‘80 e ‘90, la giostra nei giardini della Resistenza, gestita da Italo Sforzi, è uno dei simboli della nostra città. Anche per questo, il sindaco Brignolo, durante l’incontro con la cittadinanza avvenuto qualche giorno fa proprio nel parco davanti all’ex ospedale, ha deciso di donare a Sforzi il Sigillo della città. Si tratta di uno dei più importanti riconoscimenti che un’amministrazione concede a chi ha maturato meriti importanti verso Asti e la sua comunità.

Italo Sforzi ha visto transitare sulla sua giostra decine di migliaia di bambini, molti dei quali sono tornati “in sella” con i loro figli, conservando una tradizione che si rinnova da decenni. Sforzi non era stato avvisato dell’imminente premiazione e, quando il sindaco gli si è avvicinato per omaggiarlo del riconoscimento, è stato colto alla sprovvista, dicendosi commosso, emozionato e riconoscente.
Sulla targa è stata scritta la seguente motivazione: “Per la gioia e i sorrisi regalati a generazioni di bambini astigiani, con la giostra che da quasi quarant’anni si trova nel parco”.

L’amministrazione, guidata dal sindaco, ha poi proseguito il suo giro incontrando i cittadini per raccogliere istanze e suggerimenti su come tenere in perfette condizioni i giardini pubblici, tempo fa “off limits” dopo il tramonto, ma oggi tornati ad essere un luogo di giochi, relax e socializzazione per molte famiglie, non solo astigiane. E’ stato proprio il sindaco, in una nota stampa, a ricordare come l’area verde sia diventata «un parco multietnico» dove convivono realtà, anche commerciali (in primis i chioschi), animate da immigrati che hanno scelto Asti quale nuove casa in cui vivere.

r.s.

Articolo precedente
Articolo precedente