La Nuova Provincia > Attualità > Il sindaco di Isola Fabrizio Pace: «Vieterò il transito dei pullman nel centro del Piano»
Attualità Costigliole - San Damiano -

Il sindaco di Isola Fabrizio Pace: «Vieterò il transito dei pullman nel centro del Piano»

L'annuncio nella serata in cui il Tavolo tecnico per la mobilità sostenibile ha presentato ad Isola la proposta di nuovo orario dei treni della linea ferroviaria Asti-Alba

«Situazione insostenibile»

«Vieteremo ai pullman il transito nel centro abitato del Piano». Il sindaco di Isola Fabrizio Pace è pronto a firmare un’ordinanza che vieterà il passaggio dei bus in via Fogliotti (nella zona della chiesa parrocchiale): un’iniziativa che riguarderà in modo particolare gli autobus sostitutivi della linea ferroviaria che collega Asti e Alba.
«Ci dicono che il trasporto su gomma costa meno, ma certamente non viene tenuto conto del costo che si trovano ad affrontare le amministrazioni comunali – ha detto venerdì sera il sindaco Pace nel corso dell’incontro allestito dal Tavolo tecnico per la mobilità sostenibile e che si è tenuto al Centro congressi di Isola – L’asfalto si sta deteriorando, dobbiamo in continuazione provvedere a riparare i tombini e neppure ci vengono riconosciuti contributi per fronteggiare le spese: è una situazione insostenibile».
L’annuncio del sindaco di Isola è giunto in apertura della serata in cui il Tavolo tecnico presieduto dall’architetto Giovanni Currado ha presentato al pubblico la proposta di nuovo orario per la linea ferroviaria Asti-Alba, che verrà sottoposto giovedì all’assessore Francesco Balocco in occasione dell’incontro che si terrà in Regione.

Dal Tavolo tecnico la proposta di nuovo orario dei treni

«La proposta di orario va nella prospettiva pienamente operativa di riavviare quanto prima possibile il tratto ferroviario già ora praticabile tra Asti e Castagnole delle Lanze, per poter offrire alle comunità locali della valle del Tanaro e ai sempre più numerosi turisti, anche stranieri, dei territori Unesco di Langhe-Roero e Monferrato uno strumento efficiente e sostenibile di mobilità in loco», ha sottolineato Currado.
Un treno ogni ora, in entrambe le direzioni di Asti e Alba, perfettamente fruibile sia per quanto riguarda le coincidenze dei treni per Torino, Cuneo e i maggiori centri sia per quanto riguarda gli ingressi e le uscite dalle scuole superiori che i ragazzi della zona frequentano. Appena 9 minuti servirebbero, ad esempio, da Isola per raggiungere Asti. Un orario dei treni che al pubblico presente al Centro congressi ha fatto assaporare i grandi vantaggi, economici e di tempo, che deriverebbero dal ritorno dei treni sulla Asti-Alba.
Tra le opere necessarie, il raddoppio del binario ad Isola: «Si tratta semplicemente di ripristinare il binario di Isola che già c’era».
«Abbiamo calcolato ad Isola 120 passaggi di bus al giorno da parte di tutte le linee che vi transitano. Sarebbe necessario razionalizzare gli orari – ha sottolineato l’architetto Currado con accanto Aldo Pavanello, del Tavolo tecnico – L’uso dell’auto ha ormai raggiunto prezzi altissimi e, inoltre, non possiamo più pensare ad un trasporto costituito da una persona su ogni anno: il futuro deve essere quello del trasporto pubblico. E’ necessario fare squadra: il nostro progetto non è limitativo nei confronti delle aziende del trasporto su gomma, che potrà essere ampliato per il collegamento con i piccoli centri, lontani dalle stazioni ferroviarie».
«Il sistema con cui abbiamo lavorato è quello ideale per creare un servizio davvero funzionale e dunque appetibile alla popolazione: prima si studia il programma orario e poi si progettano gli interventi per realizzarlo». E per riportare il treno tra Asti e Castagnole Lanze, a quel che è stato spiegato, gli interventi sarebbero minimi, in particolare la creazione del doppio binario ad Isola. Dai sindaci e amministratori presenti in sala, tra cui Castagnole Lanze, Neive, Isola e Costigliole, un atteggiamento deciso ad ottenere risposte chiare dalla Regione: «Se sarà un sì, bene; se sarà un no, allora stabiliremo le azioni future per ottenere il ripristino di un servizio fondamentale per il nostro territorio», ha detto Carlo Mancuso, sindaco di Castagnole, immediatamente appoggiato dal sindaco di Neive.

L’idea innovativa dell’architetto Currado: «Un centro di interscambio nei pressi del centro commerciale»

Dall’architetto Currado anche un’idea che potrebbe essere rivoluzionaria per Isola e l’intera zona: «Il centro commerciale, con i suoi ampi parcheggi e la sua breve distanza dalla linea ferroviaria, potrebbe fare da supporto ad un nuovo centro di interscambio per il collegamento con Asti: lasciare l’auto e in 9 minuti raggiungere la città di Asti, così come i treni per Torino, Alessandria e Genova».

(Nella foto la linea ferroviaria Asti-Alba nel tratto di Isola, in frazione Chiappa)

Marta Martiner Testa

marta.martiner@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente