La Nuova Provincia > Attualità > In questo fine settimana Mombaruzzo invasa dal profumo di tartufo
Attualità Asti Canelli e sud Nizza Monferrato -

In questo fine settimana Mombaruzzo invasa dal profumo di tartufo

Cuore dell’iniziativa sarà domenica, quando il suggestivo borgo del “paese dell’amaretto” si animerà con il mercatino dei prodotti tipici e si potrà pranzare all’aroma dei sapori di un territorio

Torna a Mombaruzzo la Fiera del Tartufo

Ritorna per la sua nona edizione, nel fine settimana, la Fiera del Tartufo di Mombaruzzo.
Cuore dell’iniziativa sarà domenica, quando il suggestivo borgo del “paese dell’amaretto” si animerà con il mercatino dei prodotti tipici e si potrà pranzare all’aroma dei sapori di un territorio.
Ma la novità di quest’anno, nella giornata di sabato, sono due incontri di approfondimento, ciascuno su un prodotto tipico di eccellenza delle nostre zone al teatro della SOMS in via Sottorocca.

Riflettori sulla nocciola

Alle 10,30 riflettori sulla nocciola con il tecnico CIA Angelo Cortese e l’esperto di tostature e abbinamenti Eugenio Meinardi, di Mia Food Tech.
Anticipa il vice sindaco Gianfranco Calvi: «L’incontro pomeridiano, alle 17,30, si rivolge in particolare a trifulau e tartuficoltori. L’agronomo Edmondo Bonelli parlerà delle problematiche che i cambiamenti climatici stanno portando nella produzione del tartufo bianco nella nostra zona».
Con questi appuntamenti, la manifestazione va ad arricchirsi sul fronte dell’approfondimento per addetti ai lavori e non solo: «Ormai la nocciola sta diventando una produzione complementare a quella vitivinicola, mentre il tartufo è sempre più un richiamo turistico, oltre che una produzione di eccellenza da salvaguardare in tutti i modi».

Nordic Walking: la passeggiata

La giornata di domenica prenderà il via alle 9,30, in piazza del Comune, con la partenza della passeggiata a cura di Nordic Walking Incisa. Itinerario di circa 9 km, al termine colazione contadina.
Per iscrizioni e informazioni: 335-5355310. Alle 10 inaugura la fiera, che si svolgerà in due location principali, come racconta il Vice Sindaco: «Le bancarelle con prodotti tipici del territorio troveranno spazio sulla piazza del municipio, mentre nell’area del campo sportivo si potranno trovare gli animali: dai falconieri ai “trifulau” con i loro cani. Inoltre per i più piccoli la possibilità di una passeggiata a bordo di asinelli oppure, per tutti, un piccolo viaggio su carrozza trainata da cavalli».

Un buon menù sotto la tensostruttura

E mentre si avvicinerà l’ora di pranzo, sarà la tensostruttura di fronte al palazzo comunale ad attirare tutti con i suoi profumi: vi si potranno gustare tra l’altro tagliolini al tartufo, farinata, friciule, caldarroste e vin brulè. Alle 11 e alle 16 ci sarà il concerto di campane con l’Associazione Campanari del Monferrato. Alle 13, il sindaco Giovanni Spandonaro premierà il miglior esemplare di tartufo con una moneta d’oro e una targa.
Conclude Calvi: «La nostra fiera del tartufo è andata crescendo negli anni. Pur svolgendosi in un periodo segnato a volte dal maltempo, rimane centrale perché nel pieno della stagione dei tartufi. Da segnalare come abbiamo mantenuto alto il livello di proposte dei prodotti e piatti tipici, mirando soprattutto alla qualità».

f.duretto@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente