La Nuova Provincia > Attualità > “La parte strana dell’Isola”, una pagina Facebook per parlare con ironia dei fatti del paese
Attualità Costigliole - San Damiano -

“La parte strana dell’Isola”, una pagina Facebook per parlare con ironia dei fatti del paese

Piace anche al sindaco Fabrizio Pace, "trasformato" in novello Napoleone per annunciare l'arrivo del treno sulla Asti-Castagnole Lanze

“La parte strana dell’Isola”

Si chiama “La parte strana dell’Isola” ed è una pagina Facebook dedicata al paese di Isola, con post e commenti sempre “sul pezzo”, realizzati in modo divertente, garbato e mai offensivo. «Da circa due anni in molte città e paesi sono nate pagine che creano post ironici e di attualità sulle loro zone. Abbiamo notato che a Isola mancava una pagina simile, che ironizzasse sui vari avvenimenti, e da qui è nata l’idea – spiegano gli amministratori della pagina Facebook – Il nome, in particolare, prende spunto da un’altra pagina molto seguita, “La parte strana dell’internet”, che posta video e immagini bizzarre trovate sul web; la contestualizzazione del nome che ha portato a “La parte strana dell’isola” ci è risultata molto carina e per questo l’abbiamo adottata». La pagina è gestita da un insieme di più persone, più o meno giovani.

«Riflessiva e intelligente»

I disagi con la linea internet, il medico che va in pensione, il black out elettrico, le Terme di Valdieri, il passaggio del treno a vapore: tanti e vari i temi affrontati, tra cui un sindaco Fabrizio Pace novello “Napoleone” che annuncia la riapertura della linea ferroviaria Asti-Castagnole Lanze. «Apprezzo molto il modo in cui il gruppo riesce a fare osservazioni sul territorio, con ironia – dice Pace – Quando la sera torno a casa e guardo i post, riesco sempre a sorridere. È sempre per me un momento piacevole per chiudere la giornata. Chiunque siano gli amministratori della pagina Facebook sono persone riflessive e intelligenti, che amano il loro paese e tengono al territorio in cui vivono: e questo, da sindaco, non può che farmi piacere».

marta.martiner@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente