La Nuova Provincia > Attualità > Nizza, Pietro Balestrino presidente Comitato Pro Oratorio
Attualità Asti Canelli e sud Nizza Monferrato -

Nizza, Pietro Balestrino presidente Comitato Pro Oratorio

Sull'Oratorio è ora di pretendere la fine della nebulosità, dice il neo presidente

E’ Pietro Balestrino il nuovo presidente del Comitato Pro Oratorio

È Pietro Balestrino, ottuagenario “cittadino attivo” già consigliere e assessore comunale, il nuovo presidente del Comitato Pro Oratorio “Don Bosco” di Nizza Monferrato. Così racconta: «Ci siamo riuniti e dopo una vivace discussione si è convenuto che sul tema dell’oratorio sia ora di pretendere la fine delle nebulosità. Essere o non essere, come direbbe Amleto. Perciò mi sono proposto alla guida del comitato». Balestrino non ha perso tempo e, nei giorni successivi alla nomina, ha fatto visita a Mons. Vescovo Luigi Testore: «Mi sono presentato ad Acqui senza avvisare e sono stato ricevuto. È stato un incontro molto rispettoso e garbato, in cui però mi sono permesso di essere particolarmente schietto. Mi dicono che sia necessaria obbedienza verso il Vescovo, ma l’obbedienza è dei sacerdoti. In quanto laico offro rispetto».

Riserbo sull’incontro con il Vescovo

Sull’esito della chiacchierata il Presidente per ora mantiene il riserbo: «Ne ho dato comunicazione ai consiglieri, ora ho richiesto un incontro ufficiale al sindaco nicese Simone Nosenzo. Dopodiché ci riuniremo nuovamente e il Comitato giungerà a una decisione, che sarà la decisione non solo mia ma unanime dell’assemblea». L’atteggiamento di Balestrino nei confronti dell’amministrazione cittadina è costruttivo, pur non lesinando alcune frecciate: «Non sono d’accordo nella scelta di posizionare la statua di Madre Mazzarello in un angolo dell’area parcheggio. Così come la statua di Don Bosco, deve essere centrale oppure non vale niente!».

Chiederà lumi sulle transenne all’interno dell’Oratorio

Al Sindaco il Presidente chiederà lumi in merito alle transenne, secondo lui di proprietà comunale, posizionate all’interno del complesso oratoriano: «Mi ha stupito che siano state messe e ora vedo che non ci sono più, mi domando il motivo». Come molti nicesi, Balestrino vanta un legame particolare con l’Oratorio: «Ricordo le scorribande, da bambino, insieme a Umberto Eco». Il Comitato Pro Oratorio, costituito nel 2013, ha per missione, recita lo statuto «difendere e valorizzare l’Oratorio Don Bosco di Nizza Monferrato; far rispettare l’atto di donazione avvenuto nell’anno 2000 tra Salesiani e Diocesi di Acqui e seguire la pratica di Beatificazione di Don Celi».

I componenti del direttivo

Al fianco di Pietro Balestrino come vice presidenti l’assemblea ha eletto Maria Belloni e Giacomo Massimelli. Tesoriere Luigino Torello, segretario e addetto stampa Giovanni Gandolfo. In qualità di consiglieri troviamo Massimo Barbera; Renato Bevione; Maria Luisa Cardona; Roberto Carrara; Mauro Cerruti; Epifanio Colombara; Bruna Corrado; Gian Luca Giacomazzo; Mario Rapetti; Canio Saracino; Piero Zappa.

f.duretto@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente