La Nuova Provincia > Attualità > Patro, rintracciare i vecchi abitanti grazie ai social
Attualità Moncalvo e Nord -

Patro, rintracciare i vecchi abitanti grazie ai social

Scrigno di storie e tradizioni a rischio “di estinzione", ma forse salvate grazie all’iniziativa di Andrea Monti

Qualche volta i social network riescono nel loro intento: intessere legami virtuali per ritrovarsi nella vita reale. È quello che sta succedendo a Patro, piccola frazione di Moncalvo, scrigno di storie e tradizioni a rischio “di estinzione” ma forse salvate grazie all’iniziativa di Andrea Monti che ha lanciato una pagina Facebook, “Patro di Moncalvo”, e contribuito al recupero della festa patronale di Santa Croce.

Riunire gli abitanti tramite facebook

«La pagina Facebook è nata per dare un po’ di voce al paese e per riunire eventuali persone originarie di Patro che oggi sono sparse in giro per il Piemonte e per il mondo. Anche se oggi siamo solo una cinquantina di abitanti fino a qualche decennio fa Patro contava centinaia di residenti, c’erano una scuola elementare, due negozi di alimentari e persino la casa canonica con un parroco». Un paese nel paese con storie tradizioni e personaggi illustri tra cui Alessandro Bonaventura (1878-1954), ottico, fotografo, astronomo, inventore e poeta a cui è intitolato il belvedere di piazza Carlo Alberto, in cima al castello di Moncalvo. Ma se la frazione è nota al di fuori dell’astigiano non è per l’illustre personaggio quanto per l’abilità manuale dei suoi residenti: artigiani di fischietti.

I subiet d’Patro

«Originariamente, e fino agli anni Settanta, si organizzava a Patro una vera e propria festa patronale in onore di Santa Croce (la cui ricorrenza all’epoca era il 3 maggio, oggi il 14 settembre) e per l’occasione di vendevano i subiet d’Patro, fischietti in terracotta prodotti nella frazione dal Settecento fino agli inizi del Novecento dagli esponenti della famiglia Guazzo. Tradizione purtroppo persa insieme all’ultimo artigiano: Primo Favarin, attivo fino al 2000», racconta Andrea Monti, pronto a rimboccarsi le maniche per conservare quel che resta della tradizione di Patro, riscoprirla e raccontarla alle nuove generazioni.

Festa di Santa Croce

«Da qualche anno abbiamo ripreso a organizzare una piccola festa in onore di Santa Croce, patrona di quella che una volta era la Parrocchia di Patro, annessa nel 1986 alla parrocchia di Moncalvo, attraverso la pagina Facebook possiamo condividere pezzetti di storia e rintracciare i vecchi abitanti». L’appuntamento a Patro per il 2018 è fissato per domenica 16 settembre con la celebrazione della messa domenicale e la festa dei borghigiani.

m.b.

max.elia@virgilio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente