La Nuova Provincia > Attualità > Questa sera si chiudono i Venerdì in Musica di Asti
Attualità Asti -

Questa sera si chiudono i Venerdì in Musica di Asti

Numerosi locali hanno aderito proponendo in contemporanea aperitivi e cene, con accompagnamento musicale, per un totale di 7 venerdì consecutivi

Ultima serata per la rassegna musicale

Ultimo appuntamento, questa sera, per la prima edizione dei “Venerdì in Musica” nel centro storico di Asti.

Il Comune di Asti, la Confcommercio di Asti, il Consorzio della Barbera e il Consorzio dell’Asti D.o.c.g ringraziano tutti gli esercenti che hanno accettato la sfida della prima edizione dell’iniziativa che ha animato il centro urbano richiamando molti giovani nelle strade e piazze del centro.

Da venerdì 29 giugno, infatti, numerosi gestori di locali astigiani hanno aderito proponendo in contemporanea aperitivi e cene con accompagnamento musicale, per un totale di 7 venerdì consecutivi.

L’assessore Pietragalla: “L’iniziativa deve avere continuità”

L’assessore alle manifestazioni Elisa Pietragalla ha dichiarato: “Fin dal primo venerdì, ho presenziato attivamente alle serate cercando di monitorare l’andamento dell’iniziativa. Ho ascoltato e mantenuto il contatto con esercenti e cittadini per tutto il periodo interessato, valutando le criticità emerse e cercando, laddove possibile, la soluzione più adeguata. Con il susseguirsi dei venerdì, altri gestori hanno scelto di aderire all’iniziativa, che, in questo modo, è cresciuta sempre più di settimana in settimana anche grazie al lavoro svolto in sinergia con la Confcommercio; quanto costruito sinora deve essere la base di partenza per le prossime edizioni perché a città ha risposto positivamente e molti sono stati gli apprezzamenti nel vedere il centro storico animato e gioioso”.

“Sono consapevole – ha aggiunto l’assessore Pietragalla – che compito dell’Amministrazione sia tanto quello di favorire gli esercizi commerciali, che contribuiscono al benessere della città, quanto quello di tutelare la qualità della vita dei residenti del centro storico, ed è in quest’ottica quindi che ritengo che l’iniziativa possa e debba avere continuità: adottando accorgimenti e miglioramenti si potranno rispettare maggiormente le esigenze degli abitanti della zona e attirare sempre più utenti dai comuni limitrofi. È importante sottolineare che tutte le attività coinvolte si sono impegnate ad affrontare le serate musicali in osservanza dei regolamenti che disciplinano i limiti acustici e le immissioni sonore, rispettando sempre gli orari a loro concessi”.

Il sindaco Rasero: “L’iniziativa ha regalato notti d’estate spensierate e festose”

“È stata davvero l’occasione per far vivere le vie del nostro centro storico – ha proseguito il sindaco di Asti Maurizio Rasero – e la collaborazione con i Consorzi del Barbera e dell’Asti ha dato la possibilità ad astigiani e turisti di degustare un buon bicchiere di vino del nostro territorio valorizzato dal contesto artistico e dall’accompagnamento musicale. Questa iniziativa ha infatti regalato notti d’estate spensierate e festose che hanno saputo anche raccontare Asti grazie alle nostre eccellenze, confermandone sempre più le potenzialità turistiche”.

Il supporto della Confcommercio

“La condivisone per l’iniziativa proposta dal Comune di Asti “Venerdì in Musica” nasce anche dal fatto che Confcommercio ha come priorità quella di sviluppare e favorire tutte quelle iniziative che sono mirate alla promozione della città di Asti , per valorizzare un patrimonio storico sicuramente invidiabile , sapendo di poter contare sulla tipicità di prodotti di eccellenza , primo fra tutti il vino – ha commentato il Direttore della Confcommercio di Asti, Claudio Bruno – Musica e vino è un binomio vincente, sicuramente da riproporre , allungando magari il periodo , consapevoli del fatto che abbiamo un settembre denso di impegni ed appuntamenti importanti e che questo eventopuò rappresentare un “file rouge” che li lega e li anticipa ai turisti. Lavorare assieme per far diventare realmente Asti “città turistica” deve essere non solo un obiettivo, ma un impegno”.

info@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente