La Nuova Provincia > Attualità > Rasero a Chiamparino: «Si faccia la tangenziale»
Attualità Asti -

Rasero a Chiamparino: «Si faccia la tangenziale»

Il presidente della Regione chiede al neo ministro di procedere con il completamento dell'A33, ma per Asti è fondamentale avere il suo collegamento sud/ovest

Chiamparino ha scritto al Ministro Toninelli

Il presidente della Regione Sergio Chiamparino ha scritto al nuovo Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli (ribadendolo anche in un’intervista al Corriere della Sera) per sottolineare che il completamento dell’Asti-Cuneo dev’essere una priorità dopo un’attesa lunga 30 anni.

Le parole di Chiamparino sono state l’occasione per riaccendere anche una luce anche sulla tangenziale sud ovest di Asti che dell’A33 è da sempre ritenuta opera complementare.

Il sindaco Rasero e l’assessore Morra hanno quindi scritto al presidente della Regione Piemonte chiedendo che l’Ente si faccia «promotore nelle sedi competenti delle necessarie iniziative al fine di promuovere la realizzazione di quest’opera strategica anche nella parte astigiana che, in alternativa, rimarrebbe incompleta».

Opera strategica con l’Asti-Cuneo

L’Asti-Cuneo, il cui completamento ha ottenuto anche l’ultimo via libera dalla Commissione Europea, deve andare, per la nostra città, di pari passi con la realizzazione del collegamento tra il casello Asti Ovest e l’A33, compresa la costruzione di un nuovo ponte sul fiume Tanaro. Ne sono convinti gli attuali amministratori che spiegano: «Il collegamento Sud Ovest si tratta non solo di un’opera richiesta da tutta la città per far diminuire drasticamente l’inquinamento e per migliorare la viabilità, – sottolineano Rasero e Morra – ma rappresenta anche un’esigenza per tutti i comuni del sud Astigiano che in merito si sono più volte espressi favorevolmente».

Stop al tracciato lungo Borbore: c’è un’alternativa

Ad oggi non ci sono certezze sull’eventuale realizzazione della tangenziale, che comunque non sarebbe una vera tangenziale, ma una strada a due corsie, una per senso di marcia, utile a convogliare il traffico parassitario fuori dalla città e collegare più velocemente il sud della provincia con l’ospedale Massaia. Ma qualcosa di nuovo c’è. «Sarà una strada esterna per collegare la zona dell’Asti Ovest al Tanaro con un tracciato che passerebbe dietro l’abitato di Villaggio Bellavista – aggiunge l’assessore alle Infrastrutture Stefania Morra – Nessun tragitto sul lungo Borbore, né tunnel, ma un’opera in esterno che preveda delle intersezioni con la viabilità cittadina». Ma, ovviamente, su costi, tempistiche e ipotesi di tracciato è a dir poco prematuro pronunciarsi.

r.santagati@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente