La Nuova Provincia > Attualità > Sabato lo storico mercato animerà le vie del centro di Asti
Attualità Asti -

Sabato lo storico mercato animerà le vie del centro di Asti

Con piazza Alfieri chiusa per i lavori in vista del Palio anticipato al 2 settembre una sessantina di banchi si sposteranno verso il cuore della città

Il mercato di piazza Alfieri si sposta per i lavori del Palio

Lo spostamento della data del Palio a domenica 2 settembre ha messo in moto alcune novità logistiche che riguardano anche i mercati astigiani. Da giovedì piazza Alfieri è chiusa al traffico per consentire alle ditte incaricate l’allestimento delle tribune e della pista, ma diversamente dagli altri anni il mercato avrebbe dovuto traslocare con qualche giorno di anticipo in piazza del Palio. Così l’amministrazione, sentiti gli ambulanti, ha deciso di sperimentare nuove soluzioni. La più importante riguarda lo spostamento degli ambulanti, solo di piazza Alfieri e solo in occasione del mercato di domani, sabato 25, in alcune vie del centro storico.

Un piccolo, ma importante esperimento

Saranno una sessantina i banchi che verranno allestiti, dopo apposito sorteggio degli stalli, lungo via Garibaldi, via Cavour (da via Brofferio a piazza Statuto) e nelle piazze San Secondo e Statuto.«Sono stati i commercianti a proporre al Comune lo spostamento di uno dei mercati nelle vie del centro e, confrontandoci con loro, abbiamo deciso di provare almeno una volta – spiega il vice sindaco con delega al commercio Marcello Coppo – Di certo si tratta di un esperimento che può far ragionare anche per una futura rivisitazione delle aree mercatali perché è nostra intenzione rivedere l’organizzazione dei mercati di Asti per ridare loro il lustro di una volta». L’amministrazione Rasero, anche nell’ottica di mettere mano alla riorganizzazione dei mercati di piazza Alfieri e piazza del Palio, ha ricostituito le commissioni mercatali «quale luogo di confronto – aggiunge Coppo – con i rappresentanti degli operatori». mercati di mercoledì 29 agosto e sabato 1° settembre saranno invece concentrati in piazza del Palio, come già succedeva in passato.

Altra novità riguarda lo spostamento dei box cavalli nei giardini pubblici, una decisione che lascerà sgombra piazza Libertà, davanti alla Banca di Asti, dove gli ambulanti continueranno ad allestire i banchi sia sabato 25 sia mercoledì 29 agosto.

Viabilità e trasporti pubblici

La chiusura di piazza Alfieri ha anche decretato la modifica della viabilità in tutta la zona: il traffico in arrivo da corso Dante è stato deviato lungo corso Alfieri in direzione di piazza I Maggio mentre quello in arrivo da corso Einaudi è stato convogliato in corso alla Vittoria. Anche le linee dei bus sono parzialmente cambiate. Fino a domenica 9 settembre, fanno sapere dall’Asp, gli autobus delle linee feriali 2, 2/ e 7 e della linea festiva A, in entrambe le direzioni, non transiteranno in piazza Alfieri. Sono attivate, in entrambe le direzioni, due fermate sostitutive in corso Galileo Ferraris, la fermata sostitutiva di via Calosso e tre fermate nel tratto di corso Alfieri tra piazza I Maggio e corso Dante. Gli orari provvisori dei bus sono pubblicati sul sito internet www.asp.asti.it o si possono ritirare in formato cartaceo al Movicentro di via Artom 10.

Il “giallo” del cantiere in via Garibaldi

Ma a pochi giorni dallo spostamento del mercato, un piccolo giallo è avvenuto proprio in via Garibaldi a pochi passi dalla piazza dove si correrà il Palio. Giallo denunciato addirittura dal sindaco in persona. «Alla vigilia delle feste più importanti della nostra città – commenta Rasero su Facebook – si apre un cantiere in via Garibaldi di cui il sindaco non è a conoscenza». Rasero non nasconde la propria rabbia: «Mi sono particolarmente inalberato e incacchiato. Ora l’azienda chiuderà il buco e farà i lavori dopo le festività. Un cittadino tipo potrebbe passare e chiedersi: ma chi amministra questa città? Dei deficienti? Tante volte gli amministratori possono fare altre cose e non sapere che viene aperto un cantiere dentro la città».

r.santagati@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente