La Nuova Provincia > Attualità > Scontro in Consiglio comunale a Nizza su una variazione al Piano Regolatore
Attualità Nizza Monferrato -

Scontro in Consiglio comunale a Nizza su una variazione al Piano Regolatore

Dialettica accesa tra maggioranza e minoranza nel consiglio comunale di lunedì sera. In apertura, per voce del sindaco Simone Nosenzo, il rendiconto dell’esercizio finanziario 2018 e una variazione al bilancio di previsione 2019/2020

Confronto acceso tra maggioranza e minoranza in consiglio

Dialettica accesa tra maggioranza e minoranza nel consiglio comunale di lunedì sera. In apertura, per voce del sindaco Simone Nosenzo, il rendiconto dell’esercizio finanziario 2018 e una variazione al bilancio di previsione 2019/2020. Tra le cifre i 190 mila euro per costruzione di nuovi loculi, con variante al piano regolatore cimiteriale spiegata dal vice sindaco Pier Paolo Verri: «In alternativa agli ossari, abbiamo previsto un sesto piano di loculi, insieme all’individuazione di un’area per l’aspersione delle ceneri».

Pesce: ecco i limiti evidenziati dal consuntivo

Secondo il consigliere di minoranza Flavio Pesce, il consuntivo denoterebbe i limiti dell’impostazione dell’amministrazione, con alcune critiche specifiche: «Il peso per la Fiera del Bue Grasso avrebbe dovuto essere acquistato dalla Pro Loco, e non dal Comune. Inoltre è inutile potenziare la videosorveglianza, se davanti ai supermercati continuano a esserci richiedenti asilo che fanno la questua». Alla menzione del primo cittadino dei risparmi nei servizi a domanda individuale (già riportati su queste pagine), dai banchi dell’opposizione sono giunte richieste di conferme del mantenimento della stessa qualità del servizio.

Risparmio grazie al contributo dello Stato

La replica di Nosenzo: «Il risparmio è stato possibile grazie a un contributo dello Stato, l’aumento delle iscrizioni e un’ottimizzazione del personale». Accesa discussione, con astensione finale dei gruppi di minoranza, ha causato una variante al piano regolatore che vede il passaggio ad agricolo di un terreno, mentre in appezzamento vicino si amplierebbe una pista da corsa. L’architetto Davide Zivich, al riguardo, ha precisato come la variante sia il primo atto di un iter che prevederà ulteriori verifiche.

Il mammografo guasto

Alla voce “mozioni”, il consigliere Maurizio Carcione ha rinviato la presentazione di un ordine del giorno sul mammografo guasto al Santo Spirito di Nizza a seguito della rassicurazione del Sindaco: «Dopo il quesito posto in Conferenza dei Sindaci dell’ASL Asti, l’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta si è impegnato a trovare le risorse per l’acquisto del mammografo entro quest’anno».

I comodati con Pro loco ed Erca

Da parte del consigliere Pietro Braggio un’interrogazione sullo stato dei comodati con le associazioni Pro Loco ed Erca nell’ex macello (Nosenzo: «Siamo d’accordo all’idea di regolarizzare, ci stiamo lavorando») e un’interpellanza sul discusso utilizzo di diserbante con principio attivo glifosate in alcune aree della città (il Sindaco rassicura sull’attenzione all’ambiente, Braggio annuncia la trasformazione in mozione per la prossima seduta).

Chiesti chiarimenti sul Piano di protezione civile

Sempre via interrogazione Carcione ha chiesto lumi sul piano di protezione civile, ancora in corso di aggiornamento, e sull’assenza di trasporti pubblici la domenica. Nosenzo: «Il trasporto pubblico è un’esigenza, ma di competenza della Regione. Ne discuteremo al tavolo sulla mobilità. Non deve passare però il messaggio che a ogni carenza nei servizi, il Comune ci mette una pezza».

f.duretto@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente