La Nuova Provincia > Attualità > Ugo Alciati Chef Ambassador del tartufo italiano nel mondo
Attualità Costigliole - San Damiano -

Ugo Alciati Chef Ambassador del tartufo italiano nel mondo

Costigliolese e titolare del ristorante “Guido” di Serralunga d’Alba scelto dall'Accademia Italiana del Tartufo

Chef stellato

Il suo amore per il territorio di Langa e Monferrato e per i frutti della terra piemontese ispirano la sua cucina, i suoi piatti e le sue creazioni. La ricerca e il rispetto delle materie prime di qualità sono alla base della filosofia che guida il suo lavoro. Sono queste le ragioni che fanno dello chef costigliolese Ugo Alciati un autorevole testimone della cucina e dei prodotti italiani. Già Chef Ambassador di Expo Milano 2015, Alciati è stato nominato alcuni giorni fa Chef Ambassador del Tartufo Italiano nel Mondo dall’Accademia Italiana del Tartufo. Per lo chef stellato, titolare del ristorante “Guido” di Serralunga d’Alba insieme al fratello Piero, si tratta di un riconoscimento che rappresenta un’importante conferma del suo percorso lavorativo, ma anche dell’insegnamento ricevuto nella tradizione di famiglia, dal papà Guido e da mamma Lidia, regina degli agnolotti al plin, coppia che ha fatto la storia della cucina piemontese.

«La strada giusta»

«È la conferma che la strada tracciata dalla mia famiglia, già 60 anni fa, era quella giusta: una strada ripida, faticosa, che comporta anche uno sforzo economico, nel senso di rinunciare ad una parte di guadagno, ma giusta – spiega Ugo Alciati – Da sempre, fin dal ristorante Guido a Costigliole dei miei genitori, l’attenzione è stata rivolta alla ricerca delle materie prime di qualità che dava il territorio. Una ricerca che per noi vale per il tartufo, così come per le uova o per i cardi, per qualunque ingrediente». Una ricerca che significava ogni mattina recarsi ad acquistare dai produttori locali quelle specialità e tipicità che poi si trasformavano in piatti di eccellenza.

Ristorante gourmet a Parigi

E così è ancora oggi al ristorante “Guido” a Serralunga d’Alba, nella Tenuta di Fontanafredda, dove lo stretto legame con il territorio continua a caratterizzare la cucina di Ugo Alciati, moderna, ma senza stravolgimenti dei fondamenti della tradizione gastronomica piemontese. E da qui i sapori della tradizione giungono anche lontano. A Parigi, ad esempio, Ugo porta i tartufi piemontesi: con sei ragazzi del suo staff gestisce infatti il ristorante gourmet “L’Assaggio”, situato all’interno dell’hotel Castille nell’elegante rue Cambon, nel centro di Parigi, a due passi da place Vendôme.

“Meringa e castagne”

Il riconoscimento di Chef Ambassador del Tartufo Italiano nel Mondo è giunto a pochi giorni dal debutto della prestigiosa cena a più mani nell’Hub internazionale della gastronomia di Identità Golose Milano e in contemporanea con l’inaugurazione, presso la Fondazione Mirafiore, della sede regionale dell’Accademia Italiana del Tartufo. Nella cena a più mani, quattro chef piemontesi hanno reso omaggio al tartufo bianco d’Alba: tra questi Ugo Alciati, con il dolce “Meringa e castagne”. La pasticceria è una delle passioni di Ugo Alciati, a cui si dedica con grande fantasia, sempre rendendo omaggio al territorio e alle sue ricchezze.

marta.martiner@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente