La Nuova Provincia > Attualità > “Venerdì in Musica”: ai baristi piace il format
Attualità Asti -

“Venerdì in Musica”: ai baristi piace il format

I gestori di bar e locali in centro apprezzano il format e chiedono al Comune di mantenerlo incrementando la promozione

I “Venerdì in Musica” di Asti: un format che piace

Terzo appuntamento con i “Venerdì in Musica” promossi dall’assessorato alle politiche giovanili, dalla Confcommercio di Asti, dal Consorzio della Barbera e dell’Asti D.o.c.g. Un progetto che vuole animare il centro storico con musica dal vivo, dj set, aperitivi e cene che facciano anche da richiamo per visitatori e turisti. Il format, che durerà ogni venerdì fino al 10 agosto, ha trovato il favore di molti baristi o titolari di locali che chiedono al Comune di andare avanti su questa strada, possibilmente implementando la comunicazione e promozione dell’evento.

«Noi stiamo lavorando con un dj che mette musica elettronica, ma non eccessivamente forte – commenta Marjol Zefi contitolare del bar Quattordicicento di piazza Piemonte – L’iniziativa è buona e dovrebbe durare per tutta l’estate. Gli altri locali che non l’hanno sposata hanno fatto male, ma si sa che spesso, quando ci sono questi eventi, manca la collaborazione della città». E per quanto riguarda la tolleranza dei residenti? «I problemi con i residenti ci sono a prescindere, – risponde Marjol – ma poiché la musica viene fatta con la deroga del Comune, non se la prendono con noi».

Ai cittadini: «Scendete in strada e divertitevi»

In via Ospedale ad aver aderito ai “Venerdì in Musica” è stato il bar Novecento. «Siamo contenti di questa iniziativa perché è un imput per far vivere la città – commenta il titolare Enzo Grizzanti – Bisognerebbe che fosse pubblicizzato di più fuori Asti e magari per il prossimo anno sarebbe bello creare delle vere e proprie zone musicali differenziate. Noi proponiamo musica jazz, blues e rock soft». Per quanto riguarda la tolleranza dei cittadini al rumore, Grizzanti aggiunge: «Noi stiamo molto attenti a rimanere nei 76 decibel previsti dalla deroga, ma ai cittadini dico: scendete in strada e divertitevi».

E via Garetti crea un suo brand

Anche per chi propone cene accompagnate dalla musica l’iniziativa del Comune è molto interessante e dev’essere l’inizio di un progetto duraturo. «Organizziamo le cene e stiamo lavorando molto bene con i nostri vicini del Cicchetto e del Cit Ma Bon – spiega Thomas Morra de Il Cavolo a Merenda, in via Garetti – e, in occasione di questo terzo Venerdì in Musica, facciamo un aperitivo, cena e dopo cena in collaborazione con Gancia. Ad accompagnarci sarà la musica di un artista di strada che abbiamo conosciuto in centro, un vero talento della chitarra». Intanto in via Garetti hanno lanciato un brand di quartiere tutto loro chiamato “In Garetti è!” che punta a creare eventi del gusto e di animazione per incentivare la movida, un po’ come succede nel quadrilatero di Torino.

A sostenere l’iniziativa del Comune c’è anche il bar Voglia Matta di via Della Valle. «Da noi nessun problema con i vicini e l’iniziativa mi piace molto – spiega il contitolare Cristian Peronace – Per il resto avrei voluto qualche locandina in più da mettere in giro, ma l’altro venerdì è andata bene, quindi avanti così».

Continua il contest fotografico

Intanto continua il contest fotografico voluto da I Giovani Astigiani che prevede la possibilità di vincere un aperitivo in uno dei locali aderenti all’iniziativa. Basta scattare una foto che racconti l’amore per la musica, il vino e la città, condividerla su Instagram taggando @igiovaniastigiani e inserendo l’hashtag #venerdiinmusica indicando il titolo della canzone ascoltata al momento dello scatto. La foto che entro lunedì avrà ottenuto più like vincerà un aperitivo con Barbera / Asti D.o.c.g., per due persone, nel bar in cui è stata scattata.

r.santagati@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente