La Nuova Provincia > Casa > Usiamo la forza del vapore per eliminare sporco e batteri

GDL Casa

Casa
0 commenti.

Usiamo la forza del vapore per eliminare sporco e batteri

Semplice, economico, in pochi minuti è possibile detergere anche nei posti più difficili

Scritto da: Redazione

La forza del vapore ci aiuta contro lo sporco

Tanto per cominciare il vapore ci offre la possibilità di non usare i detergenti e, poiché lo stesso permette di poter igienizzare qualsisia superficie, possiamo usarlo sia per pulire i pavimenti, sia per i complementi d’arredo come le tende, ma anche per i giochi usati tutti i giorni dai nostri bambini. Uno dei vantaggi del vapore è di arrivare ovunque: avete presente gli angoli impervi della casa dove non arrivano gli strofinacci, le scope o gli spolverini? Sono tanti e spesso di puliscono un po’ come capita, di certo lasciando parecchio sporco dietro di noi. Invece, con una qualsiasi macchina a vapore è sufficiente puntare la prolunga del bocchettone da cui esce il vapore e il gioco è fatto.

Un altro motivo per scegliere il vapore è che elimina le muffe. Non solo. Il getto rimuove lo sporco che si stratifica tra le fughe delle mattonelle, in cucina come nel bagno. E, proprio restando in tema di bagno, usare una vaporella facilita la pulizia dei sanitari e del box doccia, ma anche di tutti gli specchi della casa e dei fornelli, specie dove gli strati di grasso si accumulano utilizzo dopo utilizzo. Il pulitore a vapore è molto pratico per detergere tessuti quali lino e cotone, dunque potete usarlo tranquillamente per detergere i copridivano, le federe delle sedie, le poltrone, ma anche tutti i tappetini di casa e lo zerbino che tenete davanti alla porta d’ingresso. Invece dovete prestare la massima attenzione a non usare il vapore sulle superfici fredde, come le finestre quando all’esterno la temperatura è molto bassa: il freddo e il caldo del vapore potrebbero causare lesioni al vetro. Allo stesso tempo non usate il vapore nel frigo o nel congelatore quando sono accesi, ma solo una volta spenti e con la spina staccata.

info@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente