La Nuova Provincia > Cronaca > Agente della municipale insegue e ferma un sintu
Cronaca Asti -

Agente della municipale insegue e ferma un sintu

Da solo, alla guida della sua moto di servizio, senza esitazioni, all’inseguimento di due persone che erano state segnalate aggirarsi con fare sospetto nella zona di Viatosto e Valmanera, a nord della città

Da solo, alla guida della sua moto di servizio, senza esitazioni, all’inseguimento di due persone che erano state segnalate aggirarsi con fare sospetto nella zona di Viatosto e Valmanera, a nord della città.

Tutto inizia intorno alle 11,30 di ieri, lunedì, con la segnalazione giunta alla centrale della polizia municipale. Abiti scuri, casco in testa, a bordo di una moto, con tanto di targa: questi gli elementi a disposizione. In quel momento si trova in zona l’agente scelto Roberto Graziano, che si porta immediatamente verso Viatosto. E lì incrocia proprio una moto che corrispondeva perfettamente alla segnalazione arrivata dai cittadini. Si mette subito all’inseguimento delle persone in sella a quella moto, con sirena e lampeggiante, intimando loro l’alt più volte: ma i due non accennano a fermarsi. E imboccano, raggiunta la zona di Valmanera, una stradina secondaria. Ma quella via è senza sbocco e, giunti al “capolinea”, i due cercano di tornare indietro e guadagnarsi così la fuga. Ma l’agente riesce a bloccare loro la strada. In un estremo tentativo di scappare, la loro moto cade e l’agente Graziano riesce a fermare il conducente. L’altro uomo scappa. Arrivano nel frattempo i rinforzi e prendono avvio gli interventi di verifica del caso.

Un lungo pomeriggio al comando della polizia municipale di via Fara. Gli accertamenti mettono in evidenza che la targa del mezzo era contraffatta, così come la presenza di vari oggetti da scasso. L’uomo bloccato è un nomade sintu di 42 anni, con obbliga di firma. Non ha fornito il nome della persona insieme a lui. Nei suoi confronti è scattata la denuncia per la targa contraffatta, possesso di oggetti da scasso, resistenza e favoreggiamento.

Marta Martiner Testa

Articolo precedente
Articolo precedente