La Nuova Provincia > Cronaca > Anziano ricattato per molestie inesistenti: arrestato l’estorsore
Cronaca Asti -

Anziano ricattato per molestie inesistenti: arrestato l’estorsore

La Squadra mobile della polizia ha arrestato un astigiano di 46 anni, che teneva in pugno la vittima con false accuse di molestie alla figlia con messaggi telefonici

Ricattato per molestie inventate

Da tempo ricattava un anziano, accusandolo di molestare la figlia con messaggi telefonici. L’estorsore si era inventato le molestie nei confronti di sua figlia e la Squadra mobile della polizia alcuni giorni fa ha arrestato in flagranza per estorsione un astigiano di 46 anni. La vittima, un astigiano di 77 anni, aveva presentato denuncia alla Procura della Repubblica, stanca di subire minacce estorsive da un uomo, che nei mesi precedenti era riuscito ad estorcergli una cospicua somma di denaro. L’anziano, infatti, si era convinto a cedere al ricatto in quanto accusato falsamente di avere molestato con messaggi telefonici la figlia minorenne dell’autore dell’estorsione: per tale ragione aveva pagato di volta in volta somme di denaro per evitare una possibile denuncia. La vicenda era stata costruita “ad arte” dall’estorsore, il quale era riuscito anche a farsi consegnare un assegno di importo rilevante.

La polizia alla consegna del denaro

L’attività di indagine delegata dalla Procura di Asti alla Squadra mobile ha consentito di arrestare in flagranza di reato il 46enne astigiano il quale, presentatosi all’appuntamento con la vittima, ha ricevuto un’ulteriore somma di denaro: ma è stato bloccato dai poliziotti ancora in possesso della somma estorta. La successiva perquisizione a carico dell’estorsore avrebbe inoltre consentito di sequestrare una pistola scacciacani, alla quale la vittima aveva fatto riferimento in denuncia e che lo aveva spinto a corrispondere alle richieste estorsive.
Il tempestivo intervento della polizia, grazie alla sinergia con l’autorità giudiziaria, ha consentito di mettere fine all’estorsione e di interrompere le minacce divenute negli ultimi giorni sempre più pressanti e continue.

m.m.t.

marta.martiner@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente