La Nuova Provincia > Cronaca > Asti: alla guida ubriaca e con il figlio di un anno a bordo: inseguita e denunciata dai carabinieri
Cronaca Asti Costigliole - San Damiano -

Asti: alla guida ubriaca e con il figlio di un anno a bordo: inseguita e denunciata dai carabinieri

Ieri fra San Damiano e Ferrere. La donna, per sfuggire ai carabinieri, ha anche abbattuto un palo segnaletico. Denunciata, patente ritirata, auto confiscata

Fra San Damiano e Ferrere

Singolare inseguimento ieri mattina dei carabinieri della Compagnia di Villanova. Una pattuglia, insospettita dall’andamento di un Suv guidato da una donna, ha provato a fermare il veicolo per un controllo.

Ha tirato giù un palo segnaletico sulla rotonda

E’ stato invece l’inizio di un inseguimento che è durato oltre 10 km. L’auto è stata intercettata inizialmente a San Damiano dove la donna, appena si è accorta della presenza dei carabinieri, ha cominciato ad accelerare e, tanto per iniziare, ha preso in pieno un segnale stradale sulla rotonda di via Govone. Poi ha continuato la sua fuga, a forte velocità, che in alcuni tratti è stata molto pericolosa, sia per gli sbandamenti continui del Suv, sia per l’invasione della corsia opposta di marcia, per fortuna senza conseguenze per altri automobilisti.

Nessun segno di volersi fermare, neppure di fronte alle sirene e ai lampeggianti della pattuglia di carabinieri.

Fermata da un cantiere stradale

L’inseguimento è finito poi a Ferrere, dove il Suv si è dovuto fermare per un cantiere stradale; i carabinieri hanno bloccato l’auto e fatto scendere la sua conducente. E’ qui che hanno constatato, non senza una certa sorpresa, che la donna, palesemente in stato confusionale, stava viaggiando con il figlioletto di 1 anno sull’auto.

In auto aveva il bambino piccolo

La conducente, una donna di 30 anni originaria di Torino e da poco residente in provincia di Asti, è stata sottoposta agli esami di routine che hanno confermato il suo stato di ubriachezza: nel suo sangue è stata accertata la presenza di un tasso alcolemico di 2.1 g/l contro gli 0,5 previsti come soglia massima dalla legge.

Per lei la denuncia (ne aveva una simile a carico datata 2011), il ritiro dell apatente e il sequestro dell’auto per confisca.

d.peira@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente