La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, ancora scippi, ma anche le prime denunce
Cronaca Asti -

Asti, ancora scippi, ma anche le prime denunce

Nuovo episodio martedì pomeriggio, vittima una cittadina romena. Intanto la polizia ha identificato i presunti autori di un altro scippo: sono padre e figlio di 50 e 25 anni. Scoperti altre tre possibili scippatori di nazionalità straniera, ma residenti ad Asti

Nuovo scippo in città nel pomeriggio di ieri, martedì. Una signora di nazionalità romena di 55 anni è stata derubata della borsa mentre si trovava in via Gerbi. L’uomo, che potrebbe essere di origine magrebina, è poi scappato. È stato necessario anche l’intervento dei sanitari del 118 per soccorrere la donna, accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale cittadino.

E padre e figlio di 50 e 25 anni, astigiani residenti in città, sarebbero i responsabili dello scippo di cui è rimasta vittima, lunedì scorso, in via Arduino (zona corso Dante), la sindaca di Cellarengo Adriana Bucco. Aveva posteggiato e stava andando ad una riunione alla sede del Cogesa (è presidente dell’assemblea consortile): due sconosciuti le sono arrivati alle spalle e le hanno strappato la borsa, ritrovata poi da uno studente al Bosco dei Partigiani, e sono fuggiti.

La Squadra mobile della polizia ha indagato sull’episodio, individuando due sospetti, riconosciuti poi come autori dello scippo. 

I poliziotti della Volanti hanno invece individuato i possibili autori di altri scippi avvenuti nelle scorse settimane in città. Tre minorenni sono stati denunciati dalla polizia, dopo essere stati riconosciuti dalle vittime di alcuni scippi e rapine. In particolare, denunciato un astigiano originario della Costa d’Avorio per gli scippi avvenuti il 31 ottobre alle 8,30 in via Roreto, il 2 novembre alle 14 in via Provenzale ed il 3 novembre alle 18 circa in corso Alfieri.

Denunciati anche un astigiano minorenne originario dell’Est Europa ed un residente in Asti per la rapina, a metà novembre, del telefono e denaro ai danni di un ragazzino in piazza Vittorio Veneto, avvicinato nella zona del Boschetto. Il ragazzo si accingeva a percorrere la scalinata di piazza Vittorio Veneto, costeggiando il parco del “Boschetto”, quando è stato avvicinato da due giovani che lo hanno minacciato, intimandogli di consegnare loro il telefono cellulare ed i soldi nel portafoglio. Immediatamente era scattato l’allarme e le Volanti sopraggiunte sul posto hanno raccolta una descrizione dei due. Gli agenti hanno inoltre acquisito i filmati di un esercizio commerciale della zona, riuscendo ad individuare la via di fuga dei malfattori. Preziosa, anche in questo caso, la collaborazione dei cittadini.

Marta Martiner Testa

Articolo precedente
Articolo precedente