La Nuova Provincia > Cronaca > Detenuti lasciati nudi: per la Corte Europea è tortura
Cronaca Asti -

Detenuti lasciati nudi: per la Corte Europea è tortura

Asti: due reclusi vennero portati in isolamento senza vestiti, senza coperte e con il cibo razionato

La Corte Europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per i fatti di Bolzaneto (Ge) e quelli di Asti.

I fatti di Asti risalgono al dicembre del 2004 quando due reclusi vennero portati in isolamento senza vestiti e senza coperte, con il cibo razionato.

Per giorni sono stati insultati e picchiati sino ad arrivare, ad uno di essi, a schiacciargli la testa con i piedi. Le guardie carcerarie indagate vennero rinviate a giudizio il 7 luglio 2011.

Il 30 gennaio dell’anno successivo si arrivò alla sentenza di primo grado e la Corte di Cassazione chiuse il caso il 27 luglio 2012. Nessuno dei responsabili venne condannato in quanto, non esistendo il reato di tortura, si procedette per reati più lievi.

Per due indagati intervenne la prescrizione, mentre per altri due l’assoluzione arrivò per motivi procedurali. Lo Stato propone un risarcimento di 45 mila euro per ciascun detenuto.

Articolo precedente
Articolo precedente