La Nuova Provincia > Cronaca > Asti: sequestrata una tonnellata e mezza di miele estero non tracciato
Cronaca Asti -

Asti: sequestrata una tonnellata e mezza di miele estero non tracciato

Nei guai una cooperativa astigiana. I fusti stavano per essere svuotati per confezionare migliaia di vasetti destinati ai supermercati

Operazione della Guardia di Finanza

Una tonnellata e mezza di miele è stato sequestrato ad una società cooperativa astigiana dalla Guardia di Finanza in collaborazione con funzionali dell’ispettorato Centrale tutela Qualità e della Refressione Frodi.

L’indagine era partita con un un altro scopo, quello di monitorare le importazioni dall’estero affinchè non venisse evasa l’Iva nè venissero poi messi in commercio prodotti contraffatti. Il controllo ha evidenziato che la cooperativa, nonostante il conferimento di centinaia di apicoltori da tutta Italia, aveva acquistato del miele estero.

 

Fusti senza etichetta

Di qui il secondo step dell’indagine, con un’ispezione all’interno del laboratorio di confezionamento dove sono stati trovati vari fusti contenenti miele privi delle indicazioni di origine. I fusti, secondo le indagini, stavano per essere svuotati, suddivisi e confezionati in migliaia di vasetti destinati ai supermercati dalla grande distribuzione.

Consistente la partita di miele, si parla appunto di 1500 chili che è stata sequestrata perchè violava l’obbligo di tracciabilità del prodotto commercializzato, allo scopo di risalire tutta la filiera di origine e distribuzione.

I responsabili segnalati

I responsabili della cooperativa sono stati segnalati per le sanzioni per la violazione della norma comunitaria.

Un’operazione a tutela del Made in Italy ma anche della salute pubblica, visto che la tracciabilità consente anche di scludere tentativi di sofisticazioni alimentari.

 

d.peira@lanuovaprovincia.it

Un Commento

  • Antonio ha detto:

    quando si scoprono queste frodi bisognerebbe pubblicare le aziende o cooperative per dar modo al consumatore di boicotarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente