La Nuova Provincia > Cronaca > Atti osceni alla sfilata del Palio: un denunciato e due ragazzine spaventate
Cronaca Asti -

Atti osceni alla sfilata del Palio: un denunciato e due ragazzine spaventate

Le ragazze sono state spinte mentre erano nel parterre. Macchie sulle loro felpe. Lo hanno fotografato e poi si sono rivolte alla polizia

Stavano guardando la sfilata

Bruttissima esperienza domenica pomeriggio per due giovanissime spettatrici della sfilata del Palio.
Le ragazze erano assiepate nel parterre di piazza Alfieri e stavano aspettando l’arrivo della maestosa sfilata storica che anticipa la corsa.
Si sono sentite spintonare, ma hanno pensato che, nella confusione, qualcuno magari volesse guadagnare una migliore posizione per assistere al passaggio e non ci hanno fatto troppo caso, salvo girarsi e capire chi è che stava dietro di loro.
E hanno visto chiaramente un ragazzo dall’aria un po’ stralunata con le mani sulle sue parti intime.
La cosa le ha spaventate e si sono allontanate appena in tempo per rendersi conto che le loro felpe erano macchiate.

Lo hanno fotografato

Con una grande prontezza hanno fotografato l’uomo e poi si sono rivolte ad alcuni poliziotti che stavano facendo servizio d’ordine agli ingressi in piazza.
Con la foto in mano, è stato facile rintracciare e bloccare l’uomo con l’accusa di violenza sessuale.
Dell’accaduto si sono accorti molti altri spettatori presenti in piazza perchè le ragazze, dopo un primo momento in cui hanno dimostrato una grande forza d’animo e una reazione molto attiva nel fotografare l’uomo, sono crollate in lacrime ed è stato chiesto l’intervento dei loro genitori per tranquillarle.
L’uomo è un astigiano.
Altri momenti di tensione si sono avuti quando alcuni spettatori, sempre domenica scorsa, insistevano per entrare nel catino con bottiglie di birra al seguito.
Le disposizioni di sicurezza, al riguardo sono molto severe, ma non tutti le hanno accettate di buon grado e, in un caso, si è arrivati anche agli spintoni. Che però non sono valsi a nulla.

d.peira@lanuovaprovincia.it

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente