La Nuova Provincia > Cronaca > Bombole esplose in autostrada: 2 ore di blocco del traffico
Cronaca Asti -

Bombole esplose in autostrada: 2 ore di blocco del traffico

Il furgone che le trasportava ha preso fuoco dopo il tamponamento di un camion che aveva rallentato perchè davanti era appena avvenuto un altro schianto fra auto

Bombole esplose nell’incidente in autostrada

Ha riaperto dopo oltre due ore di blocco del traffico la corsia sud dell’autostrada Torino-Piacenza dove questa mattina è avvenuto uno spaventoso incidente fra un furgone e un camion.

All’atezza di Baldichieri, il camion ha rallentato perchè davanti a lui già si era verificato un altro incidente, con due automobilisti che si erano schiantati contro il guard rail. Dietro al camion sopraggiungeva un furgoncino di quelli utilizzati per il trasporto di attrezzature medicali carico di bombole dell’ossigeno pronte da consegnare.

Doppio incidente sulla stessa corsia

Il conducente non è riuscito a frenare in tempo e ha tamponato violentemente il camion. L’impatto ha provocato l’esplosione delle bombole e l’incendio del mezzo segnalato da una alta colonna di fumo visibile a diversi chilometri di distanza.

Seriamente ferito il conducente del furgone carico di bombole di ossigeno

Mentre i conducenti delle automobili del primo incidente hanno riportato ferite lievi e sono state trasportate al Pronto Soccorso di Asti, il conducente del furgone che ha preso fuoco è stato trasferito ad Alessandria e le sue condizioni sono piuttosto serie.

Sul posto del duplice incidente è intervenuta la Polizia Stradale di San Michele di Alessandria per i rilevamenti mentre i Vigili del Fuoco hanno spento l’incendio e coadiuvato i soccorritori del 118 durante gli interventi.

Traffico bloccato per circa due ore

Il traffico è rimasto chiuso per oltre due ore per consentire non solo i rilievi in sicurezza, vista la presenza di bombole inesplose, ma anche lo sgombero della carreggiata e la bonifica dai residui dell’incendio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente