La Nuova Provincia > Cronaca > Commozione per la morte di Rosa, investita da un’auto in viale Pilone
Cronaca Asti -

Commozione per la morte di Rosa, investita da un’auto in viale Pilone

Aveva 51 anni, lascia il marito, i genitori e una giovane figlia studentessa all'università

Investita ieri mattina in viale Pilone

Tanta commozione in città per l’improvvisa scomparsa di Rosa Pizzolato, la donna di 51 anni che ieri mattina ha perso la vita investita da un’auto in viale Pilone. Numerose le testimonianze di cordoglio giunte ai familiari e decine e decine i messaggi lasciati anche su Facebook da chi ha voluto ricordare l’amica scomparsa e il suo dolce sorriso. L’incidente è avvenuto ieri mattina, venerdì, intorno alle 7,45, in un momento di particolare traffico in città. Stava attraversando la strada a poca distanza da casa, nel tratto di viale Pilone in uscita dal centro cittadino, quando è stata investita da una vettura che da corso Alessandria percorreva viale Pilone in direzione del centro. Alla guida della Cinquecento un giovane di Asti, appena 20enne, che si è subito fermato per accertarsi dell’accaduto e prestare i primi soccorsi. Sotto shock il ragazzo per il terribile incidente avvenuto e le sue tragiche conseguenze.

I soccorsi

Subito sono stati allertati i soccorsi, sono arrivate le ambulanze del 118 ed era stato anche richiesto l’intervento dell’elisoccorso, ma si è poi optato per un trasferimento d’urgenza all’ospedale cittadino. La signora Rosa non ce l’ha fatta e nulla si è potuto fare per salvarle la vita. In viale Pilone, insieme ai soccorritori, sono arrivate le pattuglie degli agenti della polizia municipale, che hanno effettuato i rilievi per stabilire l’esatta dinamica dell’incidente. Le indagini sono coordinate dalla Procura.

«Una bella famiglia»

La signora Rosa lascia il marito, i genitori e una giovane figlia, studentessa all’università. «Una bella famiglia, molto unita, che da ieri, così all’improvviso, è straziata dal dolore», dice un’amica di Rosa tra la commozione. Tanti i messaggi lasciati anche sulla pagina Facebook del giornale per esprimere cordoglio e vicinanza a tutta la famiglia. Non sono mancati i commenti di preoccupazione per il traffico che insiste su viale Pilone e la pericolosità in particolare per i pedoni.

marta.martiner@gmail.com

Un Commento

  • Ģuido ha detto:

    Quando si guida ,si guida e basta, non occorre restare Connessi, si verificano troppi incidenti che non sono determinati dalla velocità ma dalla totale distrazione a mio avviso ancora più pericolosa, troppa gente scrive addirittura messaggi mentre guida .questi comportamenti devono essere perseguiti con massima severita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente