La Nuova Provincia > Cronaca > Controlli in stazione ad Asti: denunciato un 19enne per droga
Cronaca Asti -

Controlli in stazione ad Asti: denunciato un 19enne per droga

Denunciato dalla polizia ferroviaria, era stato individuato dai cani antidroga della Penitenziaria di Asti

Durante i controlli in stazione denunciato un giovane astigiano

La polizia ferroviaria astigiana ha attivato alcune sere fa una serie di controlli di straordinari di prevenzione e repressione dei reati nella stazione di Asti nell’ambito dell’iniziativa di tutte le Polfer, allestita a livello europeo, “RAILPOL – Rail Action Day BLUE”. Per tale attività il personale della Polfer ha avuto il prezioso ausilio dell’Unità Cinofila antidroga della Polizia Penitenziaria astigiana, che si è subito rivelata un eccellente alleato nella lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, grazie all’infallibile fiuto dei cani impiegati nel servizio insieme ai loro conduttori.
Gli agenti della Polfer astigiana stavano infatti eseguendo alcuni controlli su persone e bagagli nell’atrio della biglietteria e nel sottopassaggio della struttura ferroviaria, quando il cane ha cominciato a puntare con insistenza un giovane in transito.

Il materiale trovato dai cani antidroga della Penitenziaria e sequestrato dagli agenti della Polfer

Individuato dal cane antidroga della Penitenziaria

«Il ragazzo, accompagnato immediatamente in ufficio dagli agenti e sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato effettivamente in possesso di un certo quantitativo di sostanza stupefacente, nella fattispecie marijuana, per un totale di circa 20 grammi, abilmente occultata all’interno degli slip e di uno dei calzini – segnala la Questura – Inoltre, è stato trovato anche dell’hashish all’interno di un pacchetto di sigarette, insieme a del denaro, che veniva sequestrato, non sapendo il giovane giustificarne il possesso». Il ragazzo, un italiano 19enne residente ad Asti ed incensurato, è stato così denunciato per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

marta.martiner@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente