La Nuova Provincia > Cronaca > Dibattito sull'Ecomafia a Villafranca
Cronaca, Salute e green Asti Villafranca - Villanova -

Dibattito sull'Ecomafia a Villafranca

Nei locali della Sala Virano, venerdì sera alle 21, il circolo Legambiente Valtriversa terrà il dibattito: “Ecomafia: le storie e i numeri della criminalità ambientale”. Verrà presentato il rapporto nazionale che il sodalizio ecologista ha stilato sui reati contro l’ambiente

Venerdì sera alle 21 nei locali della Sala Virano, il circolo Legambiente Valtriversa terrà il dibattito: “Ecomafia: le storie e i numeri della criminalità ambientale”. Relatori saranno Domenico Novara (presidente del circolo), Fabio Dogana (presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta), Antonio Pergolizzi (coordinatore dell’Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente), Domenico Rossi, (coordinatore dell’Osservatorio provinciale sulle mafie di Libera Novara) e Isabella Sorgon (referente del coordinamento provinciale di Libera Asti).

Verrà presentato il rapporto nazionale che il sodalizio ecologista ha stilato sui reati contro l’ambiente: nel 2011 sono stati quasi 34 mila i crimini commessi (in aumento del 10% rispetto al 2010). Il tema delle ecomafie non è soltanto una “questione meridionale” ma riguarda sempre più anche il Nord Italia: nel 2012 sono stati sciolti 18 comuni per infiltrazioni mafiose. Le inchieste stanno coinvolgendo anche il Piemonte, dove, ad oggi, sono già state azzerate le amministrazioni di Leinì e Rivarolo.

«L’incontro intende approfondire il legame tra la criminalità e il territorio – spiegano gli organizzatori – proponendo riflessioni e confronto tra cittadini, associazioni e amministrazioni. L’attenzione del singolo a quanto accade vicino alla propria abitazione è di fondamentale importanza per aiutare le forze dell’ordine nella lotta contro la criminalità e prevenire gli illeciti. Per questo motivo – concludono – è necessario creare reti di legalità organizzata che mettano insieme l’impegno di cittadini, associazioni, istituzioni e  forze dell’ordine».

info@lanuovaprovincia.it

Articolo precedente
Articolo precedente