La Nuova Provincia > Cronaca > Emergenza pedoni: quattro investiti in un solo giorno
Cronaca Asti -

Emergenza pedoni: quattro investiti in un solo giorno

Da ottobre ad oggi si sono registrati tre morti fra persone investite durante l'attraversamento di strade. Tantissimi i casi di feriti

Incidenti con morti e feriti

Negli ultimi due mesi e, in particolare, negli ultimi giorni, abbiamo assistito in città ad un numero crescente di incidenti che hanno visto coinvolti pedoni. Un bilancio che desta preoccupazione, ma che soprattutto deve far riflettere sulla necessità di una maggiore attenzione da parte di tutti.
Nella sola mattinata di ieri, lunedì, nel giro di poco più di due ore, sono state tre le persone investite mentre attraversavano la strada. Il primo episodio alle 7,40 in via Monte Rainero, all’altezza dell’incrocio con via Fagnano. Una ragazza di 17 anni attraversava in corrispondenza del passaggio pedonale quando è stata urtata da una Peugeot 108 guidata da una signora di 40 anni. La ragazza è stata trasferita al pronto soccorso e tenuta sotto osservazione. Sul posto è intervenuta una pattuglia della polizia municipale. Il secondo incidente è avvenuto intorno alle 9 in piazza Marconi. Un 65enne è stato investito in corrispondenza del passaggio pedonale all’imbocco della piazza, accanto alla scalinata del sottopassaggio. Secondo alcuni testimoni l’auto, una Dacia Duster, procedeva a bassa velocità. L’uomo è stato trasferito in ospedale. Intorno alle 11 gli agenti della polizia municipale sono accorsi in piazza Lugano per un altro pedone investito, una donna di 30 anni: le sue condizioni non apparivano gravi. E nel pomeriggio un altro pedone è stato investito, sempre in piazza Lugano.

I casi da ottobre ad oggi

Dal mese di ottobre ad oggi sono dunque almeno dodici le persone investite e tre di tali incidenti hanno purtroppo avuto esito mortale.
Era la mattina del 19 ottobre quando Rosa Pizzolato, 51 anni, uscita di casa come ogni giorno per recarsi al lavoro, è stata investita mentre attraversava viale Pilone. Erano le 7,45, un momento di particolare traffico in città. Rosa stava attraversando a poca distanza da casa, nel tratto di viale Pilone in uscita dal centro cittadino: è stata investita da una vettura che da corso Alessandria percorreva il viale in direzione del centro. Alla guida della Cinquecento un giovane di Asti, appena 20enne, che si è subito fermato per accertarsi dell’accaduto e prestare i primi soccorsi, sotto shock per il terribile incidente e le sue tragiche conseguenze. Nonostante la corsa in ospedale per Rosa non c’è stato nulla da fare. Pochi giorni dopo, il 24 ottobre, un altro pedone investito, dall’altra parte della città: in corso Alfieri, a poca distanza da piazza Porta Torino, un uomo, marocchino, mentre attraversava, è stato investito da un’auto che viaggiava in direzione del centro. L’urto per fortuna non è stato violento. Il giorno dopo, il 25 ottobre, è un ragazzino di undici anni ad essere investito da un’auto, in viale Partigiani. Erano le 8, ancora un momento di particolare traffico, in cui le auto si riversano nel cuore della città per raggiungere scuole e luoghi di lavoro e in cui l’attenzione da parte di tutti deve essere altissima e la fretta deve essere dimenticata. Ad urtare il ragazzino una Fiat Punto guidata da un giovanissimo, di appena 19 anni.

Un attraversamento pedonale affollato

Travolta davanti al supermercato

Trascorre un mese e un nuovo tragico incidente registra purtroppo un altro decesso. Anna Di Iorio aveva 79 anni e nel tardo pomeriggio del 29 novembre stava attraversando insieme al marito corso Alessandria. Residenti in zona, entrambi erano stati trasferiti in codice rosso al pronto soccorso. Ma la signora Anna, ricoverata in rianimazione, si è spenta nella notte. Erano le 18,30 quando la coppia, che stava attraversando il corso nella zona di via Cendola, era stata investita da una Opel Mokka, che procedeva in direzione del centro città. L’uomo alla guida, un astigiano di 51 anni, si è subito fermato. Per il marito, 80 anni, una prognosi di dieci giorni.
Il 31 dicembre una coppia viene urtata da una Citroen guidata da un’astigiana di 78 anni in via Tagliamento: 67 anni lui, 62 lei, stavano camminando sul ciglio della strada. Per fortuna solo ferite lievi. Il nuovo anno si apre con altri pedoni investiti: due nella stessa giornata, il 3 gennaio. Un uomo di 66 anni, nella mattinata, in corso Torino, in corrispondenza del passaggio pedonale di fronte alla filiale della Cassa di Risparmio di Asti, è stato investito da una Punto, guidata da un uomo di 69 anni. Nel pomeriggio, intorno alle 16, in corso Savona, nella zona dell’incrocio con via Cirio, un 50enne è stato urtato da un furgone.

Investito alla vigilia di Natale

E ha perso la vita investito da un’auto, la mattina del 21 dicembre, mentre attraversava la strada a Portacomaro Stazione, anche Antonio Ambrosio, 84 anni, residente ad Asti. I primi soccorsi gli erano stati prestati dalla donna che lo aveva investito, un’infermiera di 20 anni. Le condizioni dell’uomo non apparivano gravi ed è stato trasferito in ospedale con un codice giallo. Ma la situazione è degenerata fino al decesso.

marta.martiner@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente