La Nuova Provincia > Cronaca > Intercettati dai carabinieri mentre girano con un “ragno” e un furgone nel cuore della notte
Cronaca Asti -

Intercettati dai carabinieri mentre girano con un “ragno” e un furgone nel cuore della notte

Dopo un breve inseguimento, l'autista del furgone abbandona il mezzo e scappa per i campi

La “strana coppia”

Una presenza decisamente insolita quella che una pattuglia di carabinieri della stazione di Montegrosso hanno intercettato nel cuore della notte scorsa sulla Asti Mare. I militari, infatti, durante un servizio di controllo del territorio durante le ore predilette dai ladri, si sono imbattuti in un autocarro dotato di una gru tipo “ragno” seguito da un furgone. I due mezzi procedevano in colonna e, trattandosi di mezzi da lavoro, è apparso subito abbastanza strano che si trovassero di notte in giro per strada.

Scappati all’alt

La pattuglia di carabinieri ha deciso di procedere a un controllo, ma non appena i due autisti si sono accorti della presenza della pattuglia, hanno accelerato per sfuggire all’alt e si sono divisi, andando in direzioni opposte costringendo così i carabinieri a scegliere un unico bersaglio.

Inseguimento

E’ stato deciso di seguire il furgone il quale ha invertito la marcia e, sempre ad alta velocità, ha puntato verso Asti. Ne è nato un inseguimento terminato al distributore Eni di corso Savona dove il conducente del furgone ha frenato bruscamente e si è letteralmente buttato già dal mezzo abbandonandolo a bordo strada e scappando nei campi vicini con la copertura del buio totale.

Furgone intestato a prestanome

I carabinieri hanno svolto immediatamente i primi accertamenti sul furgone abbandonato che risulta intestato ad un pregiudicato in capo al quale sono intestati decine di veicoli spesso utilizzati da altri per furti e rapine. Un prestanome che avvalora il sospetto della pattuglia di carabinieri di Montegrosso cioè che la coppia furgone-autogru fosse alla ricerca di materiale pesante da rubare.

d.peira@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente