La Nuova Provincia > Cronaca > E’ morto Diavolo il partigiano Nosenzo
Cronaca, Cultura e spettacoli, Economia e scuola, Sport Moncalvo e Nord -

E’ morto Diavolo il partigiano Nosenzo

Si è spento a 89 anni il partigiano "Diavolo", al secolo Angelo Nosenzo. Originario di Isola, combattè la Resistenza sotto il Comandante Leo

Angelo Nosenzo partigiano Diavolo

E’ morto Diavolo, nome di battaglia del partigiano Angelo Nosenzo

E’ morto Diavolo  nella notte fra sabato e domenica nella sua casa di corso Alla Vittoria ad Asti Angelo Nosenzo 89 anni partigiano della “Seconda Divisione Langhe”. Combattente portabandiera con il nome di battaglia “Diavolo” nella “Brigata “Rocca d’Arazzo” (Gruppo Leo).

La sua bandiera azzurra sarà donata all’Israt

Per volontà della famiglia e della vedova del comandante, la bandiera azzurra del “Gruppo Leo” sarà donata all’Istituto della Resistenza. Il 25 Aprile del 2016 in occasione del 70° anniversario della Liberazione il ministro della Difesa Roberta Pinotti gli aveva conferito la “Medaglia della Liberazione”

Gli amici di Angelo Nosenzo, per tutta la vita lo hanno sempre chiamato “Diavolo”, ma diavolo non lo era soprattutto per la sua innata bontà, per la sua generosità ed ottimismo. Il suo motto che ripeteva sovente alle figlie: “La vita è meravigliosa”.

Il ricordo di Luigi Garrone, compagno di Resistenza

Luigi Garrone ricorda così il compagno di Resistenza Nosenzo: “Ci siamo conosciuti nel brutto e freddo inverno del 1944 quando la guerra era anche sulle nostre colline. I partigiani di Isola d’Asti per ragioni di maggior sicurezza nel mese di ottobre avevano lasciato il loro paese per unirsi a quelli di Mongardino. Avevo vent’anni e lui che da Isola aveva seguito il cugino comandante Giuseppe Gerbi (Leo) ne aveva solo 16.

Nati nella stessa casa

L’amicizia si è consolidata quando abbiamo scoperto di essere nati nella stessa casa e precisamente nella cascina del castello di Belangero (maniero al confine tra Mongardino, San Marzanotto e Revigliasco). Mio padre prima, ed il suo dopo sono stati “schiavandai” del padrone del castello. Ricordo ancora che “Sfregiato” (mio nome di battaglia) e Diavolo insieme entrarono in città alle prime luci dell’alba del 25 aprile 1945. Da allora ci siamo sempre frequentati fino a pochi giorni fa quando mi invitò a casa sua per un caffè che è stato un addio”.

I funerali lunedì in San Secondo

I funerali sono previsti lunedì alle 15 con funzione religiosa nella chiesa di San Secondo, il rosario domenica alle 19 nella stessa chiesa. La salma sarà tumulata nella tomba di famiglia ad Isola. Angelo lascia la moglie Teresa Ebrille e due figlie Laura e Silvana.

d.peira@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente