La Nuova Provincia > Cronaca > Nubifragio: il sindaco di Asti ringrazia chi ha fronteggiato l’emergenza
Cronaca Asti -

Nubifragio: il sindaco di Asti ringrazia chi ha fronteggiato l’emergenza

Ci vorranno giorni per ripulire la città dai resti di alberi e rami abbattuti: ecco cosa possono fare i privati

Rasero: «Grazie a tutti»

«Solo una parola: grazie. Grazie a tutti i dipendenti del Comune e a chi, a vario titolo, si è subito messo a lavorare sabato e domenica per cercare di dare delle risposte». Così il sindaco di Asti Rasero ha voluto ricordare coloro che si sono messi al servizio della comunità, fuori dall’orario di lavoro e senza risparmiarsi, per fronteggiare l’emergenza dovuta al nubifragio. «Questa mattina ho presieduto un tavolo di lavoro con i dirigenti, tecnici e addetti dell’Asp – ha continuato il sindaco lunedì mattina – e valutato le prossime azioni. Intanto i cittadini possono accatastare fuori dalle case eventuali rami o tronchi, tagliati, per chiederne la rimozione all’Asp chiamando il numero 0141/434751». Rasero ha sottolineato l’eccezionale intensità della pioggia, che ha provocato anche l’allagamento di corso Alfieri, e ricordato «di essere stato criticato per la scelta di aver tagliato alberi in cattivo stato i quali, forse, sarebbero proprio caduti col maltempo. Il nubifragio dimostra che certi interventi vanno fatti». Intanto ha annunciato l’intenzione di chiedere alla Regione lo stato di calamità naturale.

Ma i cittadini chiedono più manutenzione ordinaria

Ma su internet, e non solo, si sono levate richieste di effettuare più cantieri di manutenzione ordinaria come pulire con maggior frequenza i condotti fognari e i canali, potare gli alberi ad alto fusto anche nei parchi, bonificare gli argini di rii e torrenti, tagliare i rami pericolanti delle piante e obbligare i privati a fare altrettanto, come disposto dai vari regolamenti di polizia urbana e rurale.

«Non dimentichiamoci che quello di sabato è stato un evento eccezionale, ma il Comune, l’Asp e la protezione civile si sono messi subito all’opera per risolvere le principali criticità e riaprire le strade interrotte – ha replicato l’assessore Stefania Morra – Ora ci stiamo occupando di rimuovere i rami e le piante cadute, ma è opportuno, in questa fase di verifiche, prestare attenzione ed evitare di sostare sotto le piante ad alto fusto».

«L’evento meteorologico che ha interessato la città ha avuto carattere di assoluta imprevedibilità e di eccezionale intensità, – ha sottolinea il vice sindaco Marcello Coppo – ma le strutture comunali insieme i vigili del fuoco hanno dato una risposta pronta ed efficace».

r.santagati@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente