La Nuova Provincia > Cronaca > Sciopero avvocati per la riforma del sistema carcerario
Cronaca Asti -

Sciopero avvocati per la riforma del sistema carcerario

Anche la Camera Penale di Asti invita ad aderire. Italia sotto infrazione perchè il sistema carcerario non rispetta i diritti internazionali

Sciopero avvocati, anche Asti aderisce

Anche la Camera Penale di Asti ha invitato gli avvocati associati all’astensione dalle udienze prevista ancora per oggi proclamata dalla Giunta dell’Unione delle Camere Penali.
Tale iniziativa, si legge in una nota del segretario provinciale avvocato Alberto Avidano, si è resa necessaria di fronte al rinvio da parte del Governo della possibile entrata in vigore della riforma dell’ordinamento penitenziario, attesa ormai dal gennaio 2013 quando la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo invitò il nostro Paese a provvedere urgentemente a misure strutturali che potessero modificare il sistema
penitenziario italiano.

Riforma saltata per timori “elettorali”

Un sistema, quello italiano, accusato di non rispettare, in materia di detenzione, i principi posti a base delle convenzioni internazionali.
Il rinvio, come espresso dalla delibera della Giunta, dimostra come siano di fatto prevalsi “i timori in tema di consenso elettorale” mettendo a rischio “la effettiva  realizzazione di una riforma fondamentale nell’ambito della esecuzione penale e dell’ordinamento penitenziario”.
«Condividiamo la necessità, espressa dalla Giunta, di dover essere come sempre in prima linea nel richiedere il rispetto dei diritti di tutti e in particolare degli ultimi, insistendo per l’immediata approvazione di un decreto che rappresenterebbe un primo passo verso una detenzione conforme ai principi costituzionali e convenzionali» scrive ancora la Camera Penale astigiana.

d.peira@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente