La Nuova Provincia > Cronaca > Spranga di ferro contro otto auto parcheggiate
Cronaca Asti -

Spranga di ferro contro otto auto parcheggiate

E' successo questa sera in piazza Catena. Identificato e portato via dalla Polizia. In frantumi parabrezza e lunotti posteriori.

Spranga di ferro contro i vetri di auto parcheggiate in piazza Catena

Ha preso uno dei segnali di divieto di sosta provvisori usati per la pulizia di piazza Catena dopo il mercato e l’ha usato come mazza di ferro contro tutte le auto parcheggiate che gli venivano a tiro. Una serata di follia, quella che si è conclusa poco fa, sulla piazza centrale della città dove un richiedente asilo ospite dell’ex Seminario, in preda ad un raptus di rabbia incontrollata, ha devastato otto auto in sosta, sfondando a tutte il parabrezza e il lunotto posteriore. Un vero massacro di automobili, parcheggiate lì da chi aveva scelto il centro per passare il sabato sera e si è trovato la brutta sorpresa quando è tornato a riprendere la vettura per fare ritorno a casa.

Identificato dalla Polizia: è un richiedente asilo ospite dell’ex seminario

Già identificato e prelevato dalla Polizia il protagonista del raid vandalico; il profugo si trova in Questura per la formalizzazione della denuncia a suo carico. La sua furia, scaricata sulle auto, è stata anche ripresa dalle telecamere di sorveglianza cittadina che si trovano sulla piazza e hanno restituito in tempo reale il brutto episodio di vandalismo.

I compagni hanno tentato di fermarlo

Sembra che gli stessi compagni che vivono con lui nell’ex seminario abbiano provato a fermarlo, ma prima di riuscirci aveva già fatto ingenti danni. Tutte le auto erano parcheggiate in fila e nessuna è scampata ai colpi con il paletto di ferro. Da prime indiscrezioni sembra che nei giorni scorsi il ragazzo avesse già manifestato segni di pericolosa insofferenza.

La rabbia degli automobilisti e dei residenti

Tantissima la rabbia degli automobilisti che si sono trovati le vetture devastate. A loro si sono uniti alcuni residenti di piazza Catena e vie limitrofe che negli ultimi tempi hanno passato la stessa disavventura con vetri spaccati e auto frugate. In tutti i casi non si sono registrati furti ma solo i danni dall’atto vandalico.

d.p.

3 Commenti

  • Arturo ha detto:

    Questa è la dimostrazione di quale danno ha provocato questa politica da infami che tanto blatera nelle piazze e in tutti i comizi ma poi gestisce un flusso incontrollato di persone senza prospettive per sé e per noi poveri sudditi italiani che pagano per tutti e ricevono in cambio tasse su tasse per mantenere un esodo indiscriminato di individui senza futuro. Quando sento parlare di razzismo sale in me una certezza : se razzismo è, ciò va imputato a questi politicaniti ” siano essi di sinistra o di destra” che con le loro iniziative porteranno tutta la cittadinanza onesta e pacifica alla esasperazione e se questa si tradurrà in razzismo è perché non si sono fatte le cose giuste in partenza. E… poi basta ! Chi delinque paghi veramente e in misura ferrea per politici e amministratori corrotti che ci hanno rotto le p…..!!!!!!! Mentre per coloro che arrivano se non si adeguano al nostro modo di vivere vanno espulsi immediatamente o se delinquono messi in galera e fatti lavorare alla catena per sanare i danni che arrecano!!!!! Qualcuno riesce a capire queste amare considerazioni??????

  • Luigi Cesare ha detto:

    E chi paga ora?

  • Gian Mario Cogno ha detto:

    Il protagonista di tali encomiabili gesta è un richiedente asilo, cioè a dire dal papa, dalla Boldrini e dai partiti di sinistra, una “risorsa”…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente