La Nuova Provincia > Cronaca > Una “bravata” dietro al furto di addobbi natalizi
Cronaca Asti -

Una “bravata” dietro al furto di addobbi natalizi

Una minuziosa attività di indagine, basata sull’analisi delle immagini delle telecamere, su verifiche di profili Facebook e sulla raccolta di testimonianze

Una minuziosa attività di indagine, basata sull’analisi delle immagini delle telecamere, su verifiche di profili Facebook e sulla raccolta di testimonianze. La polizia municipale, dopo la segnalazione dello strano furto di addobbi natalizi posizionati all’esterno di alcuni negozi della zona di via Quintino Sella, ha voluto vederci chiaro, per stabilire che cosa ci fosse dietro quell’episodio. In una notte della scorsa settimana erano spariti vasi e rami di pino, decorati con nastri colorati e palline di Natale, che si trovavano all’esterno della caffetteria, edicola e tabacchi all’incrocio con via Balbo, del vicino negozio di parrucchiere, della panetteria ed altri negozi ancora.

Uno sfogo in merito alla sorpresa di quell’episodio ad una pattuglia della polizia municipale aveva dato il via agli accertamenti. Gli agenti hanno acquisito i filmati registrati dalle telecamere di un negozio della zona, che hanno immortalato l’intera azione dell’autore di quel gesto, e da lì sono partite le indagini. Dagli uffici di polizia del comando di via Fara si stanno ponendo gli ultimi tasselli: autrice del singolare furto è una giovane astigiana di 20 anni, sotto l’effetto dei “fumi” dell’alcol in quel momento.

Una bravata dunque, che per fortuna non ha causato danni ingenti o conseguenze pesanti, ma che comunque ha rappresentato una violazione della proprietà altrui. Nel “bottino” di quella notte “brava” anche una delle persiane bianche appese ai muri delle vie della zona, i supporti che per un periodo erano serviti per i “temporary shop” che venivano proposti all’interno di immobili di attività commerciali sfitte e ai quali venivano appese delle decorazioni.

Marta Martiner Testa

Articolo precedente
Articolo precedente