La Nuova Provincia > Cronaca > Una discarica abusiva lungo la “passeggiata del Barbera”
Cronaca Canelli e sud -

Una discarica abusiva lungo la “passeggiata del Barbera”

Scoperte dai carabinieri forestali 100 tonnellate di rifiuti pericolosi in un'area della campagna in zona Unesco al confine tra Montegrosso e Agliano

Tra il verde della campagna della zona Unesco

Una discarica abusiva, con circa 100 tonnellate di rifiuti pericolosi, in mezzo alla vegetazione della campagna. Ma, soprattutto, all’interno della zona Unesco, lungo la “Passeggiata del Barbera”. E’ la scoperta fatta dai carabinieri forestali di Canelli nella zona di Vianoce, in un’area al confine tra Agliano e Montegrosso. Sparsi ai piedi degli alberi e tra la vegetazione che vi cresce in mezzo, fusti di lubrificanti esausti, batterie, copertoni, estintori, sanitari, motori e parti di auto e moto, serramenti, ferro, alluminio, plastica, elementi di arredamento, radiatori, lamiere, attrezzature agricole. «Il materiale si trova stoccato a diretto contatto con il suolo su un’area di circa 1000 metri quadri, recintata da reti metalliche e chiusa da un cancello», indicano i militari. L’area è stata sottoposta a sequestro preventivo ed è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Asti un 68enne di Agliano, proprietario del terreno.

Accanto alla discarica capre, conigli, galline e maiali

Allo stesso tempo, insieme a personale veterinario dell’Asl di Asti, sono state verificate le condizioni di capre, conigli, suini, galline e anatre che erano tenuti in un’apposita zona dell’area occupata dai rifiuti. «Sono stati eseguiti prelievi di sangue sugli ovini e apposti i marchi auricolari sui capi sprovvisti – indicano dal comando provinciale dei carabinieri – Non è stato ravvisato maltrattamento di animali, ma saranno impartite dall’Asl apposite prescrizioni sanitarie».

A Incisa un deposito abusivo nella riserva

Altra area di pregio dal punto di vista ambientale presa di mira dall’abbandono di rifiuti è quella della Val Sarmassa. I carabinieri forestali di Nizza hanno scoperto un deposito illecito di masserizie e inerti da demolizione lungo la la strada provinciale nel territorio del Comune di Incisa Scapaccino. Sono in corso le indagini per individuare i responsabili.
Inoltre, i carabinieri di Canelli hanno elevato sanzioni amministrative per 3.200 euro a carico del conducente di un autocarro che, controllato in regione Quartino di Calamandrana, trasportava 2 tonnellate di rifiuti ferrosi senza le prescritte autorizzazioni. Sempre i carabinieri forestali di Canelli hanno denunciato un 62enne di Canelli per disturbo acustico nelle ore notturne, in quanto aveva usato un apparecchio detonatore a gas per allontanare la fauna ungulata (caprioli e cinghiali) dai vigneti, impedendo però il riposo di chi abita nella zona.

Marta Martiner Testa

marta.martiner@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente