La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Mostra multimediale su Aleppo ad Asti
Cultura e spettacoli Asti -

Mostra multimediale su Aleppo ad Asti

Mostra multimediale su Aleppo distrutta dalla guerra

Una mostra multimediale sulla città siriana di Aleppo, distrutta dalla guerra. L’esposizione sarà inaugurata oggi (venerdì) ad Asti, nei sotterranei di Palazzo Mazzetti, e sarà visitabile dal 20 gennaio al 20 maggio. Curatore dell’esposizione è il giornalista Domenico Quirico.

L’esposizione

Intitolata “Aleppo. Come è stata uccisa una città“, la mostra ripercorre i cinque anni di guerra che hanno coinvolto la città siriana dal 2011 al 2016. Un percorso che vuole diventare un’esperienza diretta: attraverso un allestimento multimediale, il visitatore viene immerso nella realtà della città e dei suoi abitanti, rappresentati dalle voci di attori che narrano momenti di drammatica quotidianità. Il tutto grazie a spazi ricreati con installazioni, gigantografie e video.

Le sezioni

Nelle dieci sezioni della mostra il visitatore incontra personaggi diversi e ascolta la loro testimonianza. Attraverso gli ambienti vivendo di persona il senso del disagio, del pericolo e dell’inquietudine che le diverse installazioni intendono ricreare. Come la simulazione del bombardamento, vissuto dall’interno di un’aula scolastica, nella quale sono gli stessi visitatori a sedere nei banchi e a subire la violenta emozione dell’attacco da parte delle forze governative.

L’obiettivo

“Il mio tentativo – commenta Quirico – è quello di raccontare come si vive in una città in guerra. Una città diventata luogo fisico dello scontro in cui ognuno, anche il cittadino più pacifico, è coinvolto. E, spesso, ammazzato”.

L’esposizione – promossa da Fondazione Palazzo Mazzetti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e Comune di Asti – è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 18.30.

Per informazioni rivolgersi a Palazzo Mazzetti, corso Alfieri 357, tel. 0141/530403.

e. f.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente