La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Un viaggio nei secoli alla scoperta della bandiera
Cultura e spettacoli Asti -

Un viaggio nei secoli alla scoperta della bandiera

Stasera a Palazzo Mazzetti l'inaugurazione della mostra promossa dal Gruppo A.S.T.A. che sarà visitabile fino al 15 settembre

La mostra

Un viaggio alla scoperta della storia della bandiera e del suo portatore attraverso i secoli.
E’ quanto propone la mostra didascalica e iconografica che sarà inaugurata oggi (martedì) alle 18.30 a Palazzo Mazzetti (corso Alfieri 357). Intitolata “Del maneggiar l’insegna – Il maneggio della bandiera nei secoli”, è curata dal prof. Giovanni Nardoni di Ascoli Piceno (Accademia picena dell’Alto maneggio della bandiera) ed è promossa dal Gruppo A.S.T.A. (Gruppo sbandieratori del Palio di Asti) nell’ambito della manifestazioni del cinquantennale di fondazione.
«La mostra – spiegano del Gruppo A.S.T.A. – è un suggestivo e affascinante viaggio, attraverso i secoli, alla riscoperta della storia della bandiera. Bandiera che da sempre è quel potente segnale di carattere universale, sotto cui ognuno si ritrova, si riconosce, si identifica: è civiltà. Oltre ad essere segnale attraverso il quale riusciamo ad esprimere giubilo, tristezza, lutto, protesta, fede».
«E ancora, l’esposizione è un viaggio alla riscoperta del suo portatore, l’alfiere prima e sventolatore circense poi, il vero antesignano del moderno sbandieratore, depositario di una meravigliosa arte, “il maneggio della bandiera”, che ha in sé un grande valore aggregativo, espressivo, artistico, comunicativo, sportivo e spettacolare».

Le sezioni

La mostra è distinta in sette sezioni: la sintesi della storia della bandiera dalle origini al Medioevo; la storia del Tricolore italiano; la storia e l’evoluzione del portatore d’insegna nei secoli; i Lanzichenecchi, antesignani dei moderni sbandieratori, con immagini tratte dalle incisioni del Sacro Romano Impero. Quindi la sezione con immagini tratte da tre manuali militari del Seicento e quella che presenta l’esperienza delle ricerche plastico – estetiche del Maestro Nardoni dai codici militari ai linguaggi narrativi contemporanei.

La mostra fotografica

Il percorso termina con una mostra fotografica, a cura di Cecilia Balistreri e allestita dal Gruppo “Progetto A.S.T.A 5.0”, denominata “allORA come ORA”. «Un gioco di parole per proporre un alternarsi di volti e di colori del passato – spiegano dal Gruppo – che si rispecchiano nel presente, in una passeggiata lunga 50 anni». In totale circa 100 foto e un video che ripercorrono le tappe dell’attività del Gruppo che, nato nel 1968, alla ripresa del Palio di Asti, conta attualmente 100 associati, di cui 80 sono sbandieratori e musici, guidati dal presidente Gianfranco Castaldo.
La mostra rimarrà aperta fino al 15 settembre con i seguenti orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso alle 18).
Da ricordare che oggi, in occasione dell’inaugurazione, sarà a disposizione dei visitatori uno speciale annullo filatelico apposto in loco dalle Poste italiane su una cartolina celebrativa del cinquantennale di fondazione del Gruppo A.S.T.A.

e.ferrando@lanuovaprovincia.it

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente