La Nuova Provincia > Attualità > Bollicine Bosca senz’alcol a Dubai
Attualità, Economia e scuola Canelli e sud -

Bollicine Bosca senz’alcol a Dubai

Il "Toselli", le prime bollicine Bosca senz'alcol, è stato presentato al Gulfood 2018 dedicato ai prodotti "halal", quelli realizzati rispettando i precetti della Sharia

Debutto sui mercati arabi

E’ un debutto in grande stile sul mercato arabo quello che vede protagonista il “Toselli”, le prime bollicine senza alcool prodotte dalle Cantine Bosca di Canelli. In questi giorni e fino a giovedì 22 febbraio il prodotto sarà infatti presentato da Polina Bosca (nella foto) in uno stand dedicato in occasione della 23esima edizione di Gulfood di Dubai, il più grande evento annuale del settore alimentare e delle bevande rivolto ai mercati di Medioriente, Sud Asia e Africa.

Vetrina per i prodotti “Halal”

Particolarmente attento alle proposte per il mercato arabo, a Gulfood 2018 sono confermati eventi storici come l’Halal World Food, la più grande fiera al mondo di alimenti certificati Halal. In questo scenario, tra gli oltre 5 mila espositori e i 120 padiglioni nazionali, fa capolino sulla scena internazionale uno degli ultimi prodotti di Casa Bosca, certificato e adatto alle tavole di chi non può, o non vuole, bere alcool. «Inizialmente – spiega Pia Bosca – avevamo pensato al Toselli Halal anche per contribuire all’integrazione. Poter brindare con un bicchiere di bollicine Halal non solo è permesso dalle prescrizioni, ma è anche sicuro poiché è stato certificato seguendo i più stretti dettami della Sharia. L’organismo di certificazione di cui ci avvaliamo ha un’esperienza più che ventennale e non tralascia nulla. Abbiamo già avuto primi riscontri di successo, ma il potenziale di crescita è molto ampio».

Le prime bollicine italiane senz’alcol

Si tratta di bollicine delicatamente dolci, sia nella versione bianco che rosso, dai lievi sentori aromatici dei fiori d’acacia e miele per il bianco e dei frutti di bosco per il rosso. La diffusione della produzione Bosca Halal è iniziata dall’Italia, ma ha come obiettivo la conversione in Halal delle bollicine senz’alcol già vendute sia in aree fortemente musulmane come i Paesi Arabi e l’Africa, soprattutto Nigeria, Gabon, Ghana e Senegal, sia in altre zone come i Caraibi e le Repubbliche Baltiche.

 

Lucia Pignari

lucia.pignari@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente