La Nuova Provincia > Economia e scuola > Confesercenti: Visconti è il nuovo presidente
Economia e scuola Asti -

Confesercenti: Visconti è il nuovo presidente

Visconti, titolare dell’omonima agenzia immobiliare e consigliere comunale tra le fila del Partito Democratico era già stato eletto vicepresidente dell’associazione nel lontano 2007

E’ Andrea Visconti, 45 anni, il nuovo presidente di Confesercenti Asti. E’ stato eletto al posto di Mauro Ardissone il cui incarico terminava a fine marzo.

Visconti, titolare dell’omonima agenzia immobiliare e consigliere comunale tra le fila del Partito Democratico era già stato eletto vicepresidente dell’associazione nel lontano 2007.

A lui il ruolo di traghettare la Confesercenti di Asti in un momento di forte crisi delle piccole imprese, ma con tanta voglia di rilanciare il piccolo commercio del centro storico rispetto ai grandi insediamenti commerciali anche di recente apertura.

«Da sono stato in Toscana, a Siena – commenta il presidente – e ho camminato lungo la via principale, che sarebbe il nostro corso Alfieri. Ho visto le vetrine di negozi e ciò che offrono, ovvero prodotti del territorio e promozione di eccellenze locali. Ad Asti, camminando da piazza I maggio a piazza Torino, vediamo numerosi marchi, ma pochi negozi che promuovano le nostre eccellenze».

Visconti è stato eletto alla guida di Confesercenti in un momento di forte transizione, a poche settimane dal voto amministrativo che deciderà il nuovo sindaco di Asti.

«La linea che vorrei seguire è di piena collaborazione con tutti, ma è chiaro che abbiamo un occhio di riguardo verso le forze del centrosinistra e verso il programma che porteranno avanti». Un centrosinistra di cui Visconti è stato, fino a mercoledì sera, protagonista in Consiglio comunale sedendo tra le fila del Partito Democratico. «Anche se, – confessa – in questo momento mi è un po’ calata la passione per la politica».

Visconti precisa, inoltre, di ricoprire la carica da vicepresidente «senza alcun gettone di presenza, non come in Fondazione» e ringrazia il suo predecessore per «tutto il lavoro svolto nel corso degli anni insieme all’ex direttore, Gioacchino Falcone, scomparso a fine dicembre».

r.s.

Articolo precedente
Articolo precedente