La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Classico 2018: si parte con “Archimede” e Lorenzo Baglioni
Cultura e spettacoli, Tempo libero Canelli e sud -

Classico 2018: si parte con “Archimede” e Lorenzo Baglioni

Il primo appuntamento è uno spettacolo tra scienza, storia e fumetto; a seguire il concerto di Lorenzo Baglioni che sul palco dell’Ariston ha portato la canzone “Il congiuntivo”

Uno spettacolo tra scienza e fumetto

Questa sera (venerdì) a Canelli si inaugura la quarta edizione del “Festival Classico”, dedicato alla lingua italiana e alla figura del dantista Giambattista Giuliani. Il primo appuntamento sarà con “Archimede Infinito”, uno spettacolo teatrale tra storia, scienza e fumetto diviso in due parti con Giuseppe Palumbo (nella foto). Si parte con un “reading” commentato da immagini dove lo spettatore entra da subito nella vicenda, romanzesca e imprevedibile fino all’inverosimile ma autentica del grande matematico siracusano Archimede e del suo Metodo dei teoremi meccanici. A seguire, l’esecuzione di una playlist registrata con elementi di musiche tradizionali e un improvvisazione grafica di disegno dal vivo.

Canzoni sul congiuntivo, fisica e criminologia

Alle 21,45 si terrà il concerto di Lorenzo Baglioni, cantautore che sul palco dell’Ariston ha portato la canzone “Il congiuntivo”. Nella seconda giornata, a partire dalle 17, sempre in piazza Amedeo d’Aosta avverrà un incontro con il direttore del Museo Lombroso di Torino Silvano Montaldo dal titolo “Assassini nati?” che tratterrà dell’ascesa, caduta e attualità della criminologia di Lombroso al tempo di “Mindhunters”. Alle 18,30 Silvia Bencivelli condurrà un incontro sui falsi miti della divulgazione scientifica, con il semiologo Pino Donghi, il filosofo ed epistemologo Gilberto Corbellini e il giornalista scientifico Piero Bianucci. Spostandosi alle Cantine Bosca in via G.B. Giuliani, dalle 21.30 si potrà assistere allo spettacolo teatrale-lezione “Sotto un’altra luce” a cura del dipartimento di Fisica dell’Università di Milano, scritto da Marina Carpineti, Marco Giliberti e Nicola Ludwig, con la regia di Flavio Albanese. Lo spettacolo vuole rappresentare, attraverso scene divertenti, esperimenti e teoremi, come la fisica dei laboratori trovi riscontro nella quotidianità della realtà che ci circonda e come esperimenti classici, possano coinvolgere il pubblico di ogni età in un’esperienza unica e divertente.

Mini-planetario per le famiglie

Spazio anche al divertimento in famiglia: sia nella giornata di sabato 19 che di domenica 20 nella palestra delle scuole medie C. Gancia, al mattino e al pomeriggio, sarà attivo il mini-planetario de “L’officina del Planetario di Milano”, per ragazzi fino ai 14 anni. Domenica alle 17,30, in piazza Amedeo d’Aosta, si parlerà di “Letteratura e scienza, questo matrimonio s’ha da fare” con gli scrittori Dario Voltolini, Fabrizio Venerandi, Piersandro Pallavicini. Alle 21.30, l’attore Andrea Bosca leggerà brani dai libri di Primo Levi con i commenti dello scrittore Demetrio Paolin. In caso di maltempo gli appuntamenti si terranno nella Sala delle Stelle del Palazzo Comunale. 

 

Lucia Pignari

lucia.pignari@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente