La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Domenica a teatro con “Il Mago di Oz”
Cultura e spettacoli, Tempo libero Asti -

Domenica a teatro con “Il Mago di Oz”

All'Alfieri di Asti torna la rassegna dedicata alle famiglie e ai ragazzi con uno spettacolo tratto dal noto romanzo di L. Frank Baum

Il Mago di Oz

Continuano le “Domeniche a teatro”, rassegna dedicata a famiglie e bambini che propone un ricco cartellone per la stagione 2018.
Domenica 25 febbraio, alle 16 al Teatro Alfieri di Asti, andrà in scena lo spettacolo “Il Mago di Oz” della compagnia Teatrino dell’Erba Matta.

La trama

Lo spettacolo prende spunto dal celebre romanzo per ragazzi di L. Frank Baum. I protagonisti sono tutti alla ricerca di qualcosa di cui hanno bisogno, da Dorothy che vuole tornare a casa all’omino di paglia che ha bisogno di un cervello. Solo Oz li può accontentare. Ma si viene a scoprire che non esiste, è una truffa. Tuttavia basteranno un pugno di segatura, un cuore di carta e una bottiglia con un liquido verde per rassicurare i protagonisti di aver finalmente ottenuto ciò che cercavano.
Lo spettacolo è realizzato con trenta cubi colorati, da ciascuno dei quali “fuoriesce” una parte della storia. Ogni passaggio è accompagnato da fraseggi di pianoforte.
Il testo è stato elaborato da Daniele Debernardi, in scena con Anna Damonte, Paolo Rossi e Lagorio Marino.

La rassegna

La rassegna è organizzata dal Progetto teatro ragazzi e giovani Piemonte che, in tutta la regione, promuove cartelloni di teatro per le scuole e le famiglie selezionando i migliori spettacoli di Teatro ragazzi di compagnie professionali nazionali e internazionali. E’ realizzata grazie al sostegno del Comune di Asti, della Regione Piemonte, della Compagnia di San Paolo e della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, con la collaborazione del Teatro degli Acerbi.
Biglietti: 5,50 euro; ingresso omaggio per i bambini al di sotto dei tre anni; ridotto 3 euro (tesserati Biblioteca Astense Faletti). Per informazioni: 0141/399057.
e. f.

e.ferrando@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente