La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Mostra collettiva di pittura all’ex chiesa del Gesù
Cultura e spettacoli, Tempo libero Asti -

Mostra collettiva di pittura all’ex chiesa del Gesù

Sabato e domenica l'esposizione curata da Marisa Garramone in occasione di Arti e Mercanti

Collettiva di pittura

Torna l’arte all’ex chiesa del Gesù. Domani (sabato) e domenica 23 settembre, in coincidenza con Arti e Mercanti, il complesso del Museo paleontologico (corso Alfieri 381) ospiterà infatti la collettiva di pittura curata da Marisa Garramone, le cui opere saranno esposte insieme a quelle di Marco Aru, Ottavia Boano Baussano, Viviana Gonella, Giorgio Panelli, Nanni Quattrocolo, Michela Squilacioti, Rossana Turri (presente con i “teatrini”), Paolo Viola.
Attesi anche Martina Gagliardi e Roberto Rotta, allievi della sede astigiana dell’Accademia Belle Arti di Cuneo.
La mostra, ad ingresso libero, resterà aperta nello stesso orario, per l’occasione prolungato, in cui si potrà visitare il Museo paleontologico con l’acquario preistorico: sabato dalle 11 alle 24 (ultimo ingresso alle 23), domenica dalle 10 alle 20 (ultimo accesso alle 19).
Tutti astigiani, tranne Panelli che proviene da Casale Monferrato, gli artisti protagonisti della mostra, alcuni dei quali hanno già partecipato, in passato, a esposizioni nell’ex chiesa del Gesù e animato, tra gli appuntamenti astigiani, “Passepartout en hiver”.
«Noi pittori – anticipa Marisa Garramone – abbiamo scelto di esporre i lavori che più ci rappresentano: in questo modo sarà possibile cogliere il tratto espressivo che ci distingue. Tutto questo in una cornice affascinante come l’ex chiesa del Gesù, con la sua particolare atmosfera e i suoi affreschi barocchi».

Il commento di Miroglio

La richiesta di ospitare la collettiva di pittura è stata accolta con piacere dal Parco Paleontologico. Il presidente Gianfranco Miroglio è soddisfatto per l’interesse che, ancora una volta, suscita lo spazio di Palazzo del Michelerio, in futuro parte integrante del Museo dei fossili: «L’ex chiesa del Gesù – commenta – continua a confermare il proprio appeal. Altre date, per ora da ottobre all’inizio del 2019, la vedranno sede di convegni, mostre fotografiche e di pittura: uno spazio di storia e cultura, riconosciuto come molto significativo anche dai turisti, che contribuisce a valorizzare il patrimonio di Asti».
Da ricordare che, sempre sabato e domenica, proseguirà, al Museo Paleontologico e in numerosi punti cittadini, la raccolta di firme (in corso anche on line) per sostenere la candidatura dell’ex chiesa del Gesù come luogo del cuore nell’ambito della campagna nazionale del FAI.

e.ferrando@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente